Cronaca
Commenta

Cellulari a prezzi stracciati,
ma era una truffa: presi

CASTELLEONE – Centinaia di persone truffate, molte delle quali, per vari motivi, avevano desistito dal denunciare. Fin tanto che una castelleonese, anche lei caduta nella trappola dei tre truffatori, ha sporto denuncia e da lì sono partite le indagini che hanno portato i carabinieri di Castelleone a individuare i tre componenti della banda informatica autrice delle truffe e a denunciarli a piede libero. C’è da dire che, secondo calcoli approssimati, i tre, un 32enne di Genova, un 31enne di Bolzano e un peruviano di 36 anni, posso aver truffato centinaia di persone in quattro mesi di attività. Il loro modo di agire era semplice. Attraverso la piattaforma di Ebay mettevano in vendita splendidi cellulari e i.Phone di ultima generazione apprezzi molto interessanti. Le persone che abboccavano venivano contattate e a loro i tre chiedevano degli anticipi che variavano da 50 a 200 euro. Una volta percepiti i soldi, sparivano. Tuttavia la piattaforma Ebay ha delle regole e quando, finalmente, qualcuno si è deciso a denunciare la truffa, proprio grazie a queste regole i carabinieri sono arrivati ai tre truffatori. C’è comunque voluta la denuncia della castelleonese truffata per 200 euro per far alzare il coperchio su quel che i tre truffatori avevano in pentola. I carabinieri sono riusciti a rintracciare i truffatori grazie alle utenze telefoniche lasciate proprio a Ebay. Una volta dato un nome ai tre sono scattate le denunce e l’inibizione a continuare nei loro raggiri. I tre sono a piede libero e dei soldi truffati alle centinaia di clienti sin qui non c’è traccia, anche se i carabinieri continuano nelle loro indagini.

Pgr

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti