Cronaca
Commenta

Mobbing in comune
Una dipendente denuncia

In prima pagina,una suggestiva immagine notturna del comune

Maria Grazia Salvi, la dipendente che ha denunciato il comune per mobbing

CREMA – “Sono tornata dopo quattro mesi e mi hanno cambiato uffici. Ho trovato scatoloni nel corridoio e nessun lavoro da svolgere. E’ una situazione che va avanti da dieci anni e ho denunciato il comune per mobbing”. Lo dice Maria Grazia Salvi, ieri al ritorno dal lavoro dopo una malattia e una sospensione disciplinare di 20 giorni, decisa ad andare in fondo alla sua vicenda che la vede ingaggiare un forte braccio di ferro con il comune. Conferma la notizia l’avvocato Alberto Scherma, del foro di Bergamo: “Nello scorso mese di dicembre abbiamo presentato alla procura di Cremona un esposto denuncia che evidenziava una situazione vessatoria da parte del comune nei confronti della dipendente Maria Grazia Salvi. Nella denuncia facciamo presente dodici episodi capitati dal 2007 al 2014”.

La denuncia ha avuto seguito?

“I tempi sono maturi proprio in questi giorni e non sappiamo ancora se la procura ha deciso di indagare qualcuno. L’informazione arriverà nei prossimi giorni”.

Ma avete fatto dei nomi nella denuncia?

“Sì ci sono dei nomi, ma tocca alla procura aprire procedimenti ad personam, in base alle indagini che riterranno di fare”.

Quali sono gli episodi evidenziati?

“Sono una dozzina. L’ultimo è il trasferimento della mia assistita dal comune a un magazzino. La signora Salvi appartiene alle categorie protette e deve lavora in un certo ambiente che non danneggia la sua già incerta salute. Infine, anche a livello civile siamo intervenuti. La signora si è rifiutata di andare a lavorare nel magazzino (che è a S. Maria, ndr) e per questo ha subito una sospensione di 20 giorni. Ci siamo appellati al giudice civile”.

Una situazione singolare, quella di Maria Grazia Salvi anche i sindacati e i rappresentati sindacali dicono di non saperne nulla.

Pgr

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti