Commenta

Due su dieci gratis sui bus
E uno su dieci è studente

CREMA – “Due su dieci non ce la fanno e uno dei due è uno studente”. E’ la percentuale delle persone che sale sui mezzi pubblici e non paga il biglietto, piaga da tempo denunciata dalle Autoguidovie che cercano  di porre rimedio a questa emorragia. Stiamo parlando di una perdita stimata intorno a 200mila euro l’anno. Il problema è presente da tempo e da sempre si stanno cercando rimedi per arginarlo. Inutilmente. I numeri, forniti da Autoguidovie, sono impressionanti. Nel solo cremasco le persone che quotidianamente prendono un mezzo di Agi per andare da qualche parte sono circa 14.500. Di queste il 7.5% non paga il biglietto durante l’arco di tutto l’anno, percentuale che sale vertiginosamente quando siamo in periodo scolastico. Facendo due calcoli, quindi, si viene a scoprire che ogni giorno oltre mille passeggeri sale sui bus e viaggia gratuitamente. In un anno Agi trasporta oltre 5 milioni di passeggeri nel cremasco e di questi circa 380mila viaggia a sbafo, numero che però sale se ci si mette dentro anche gli studenti.

Come si può rimediare? Lo abbiamo chiesto al direttore di Autoguidovie, Corrado Bianchessi.

“Pensiamo che il fenomeno tenderà a scomparire con la fine di quest’anno. Infatti, sarà introdotto su tutti i mezzi di linea il biglietto elettronico”.

Come funzionerà?

“Un visore posto sulla porta d’ingresso leggerà un ticket non più cartaceo, ma elettronico. Chi non ne è munito non potrà passare. E a quel punto diventa difficile anche la contraffazione. La regione Lombardia ha emesso un bando di gara per 30 milioni di euro, metà appannaggio delle aziende di trasporti, per dotare di sportelli in grado di leggere i biglietti tutti i mezzi di trasporto”.

E per gli studenti che viaggiano a scrocco?

“Autoguidovie lancia una nuova iniziativa sui bus scolastici; tutor all’entrata del bus per ridurre l’evasione: si sale davanti, si mostra l’abbonamento all’autista e si scende dalla porta centrale o posteriore”.

Speriamo che funzioni.

Pgr

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti