Cronaca
Commenta

Picchiato il preside del Munari
“Erano due ragazzi ubriachi”

In prima pagina il liceo artistico Munari

Qui sopra, il preside Pierluigi Tadi

CREMA – “Mi sono avvicinato a questi due ragazzi per chiedere loro di andarsene, visto che non erano minimamente interessati alla giornata aperta della mia scuola. E invece di accogliere il mio invito, hanno prima cominciato a insultarmi pesantemente e poi mi hanno aggredito. E’ la drammatica testimonianza del preside Pierluigi Tadi, al centro di un episodio incredibile  e increscioso, sabato nel tardo pomeriggio. Era la giornata aperta del Munari, il liceo artistico e nella scuola c’era parecchia gente. A un certo punto si è sentito trambusto sulle scale e il preside è andato a vedere che cosa succedesse. “Ho visto un ragazzo seduto con una bottiglia in mano e l’altro che dava violente testate contro una parete di cristallo. Ho chiesto loro di smettere e di andarsene. Per tutta risposta mi hanno aggredito prima insultandomi e poi mettendomi le mani addosso. Io non ho reagito. Qualcuno ha visto e chiamato la polizia che è subito intervenuta e ha fermato i due ragazzi, portandoli in commissariato, dove sono stati denunciati per aggressione a pubblico ufficiale. Io ho presentato denuncia ieri mattina”. La brutta avventura non ha avuto conseguenze fisiche sul preside, che è riuscito a parare i colpi. Ci ha rimesso solo gli occhiali, che gli sono caduti e si sono rotti. “Spero che questi episodi non si ripetano e non lascino segni tangibili. Il Munari è una splendida scuola e queste persone non hanno nulla a che fare con essa”, ha chiuso il preside.

Pier Giorgio Ruggeri

© Riproduzione riservata
Commenti