Ultim'ora
Commenta

Vende alcol ai minori
Locale chiuso per una settimana

In prima pagina, piazza Archi, dove è avvenuta la rissa; qui sopra una delle aiuole piene di spazzatura

CREMA – Sette giorni senza aprire. Questa la decisione del questore di Cremona che ha deciso di chiudere per una settimana un locale in piazza degli Archi, laterale di via IV Novembre, che ha venduto alcol ai minori. L’inchiesta che ha portato a questa decisine è nata da una gigantesca rissa che si era accesa a fine dello scorso mese in quella piazza. Numerose persone, alcune minori, altre straniere, erano venute alle mani, per futili motivi, innescando un pericolosa miccia e dando luogo a una rissa che aveva visto la partecipazione di una trentina di giovani. A stento la polizia, con l’aiuto dei carabinieri, era riuscita a sedare la scazzottata. Qualche protagonista era finito in pronto soccorso, altri erano stati denunciati, molti riconosciuti. Al termine la polizia ha presentato un dettagliato rapporto al questore, dove si evidenziava che il gestore del locale vendeva superalcolici a chiunque, anche a minori. Così il questore ha deciso per la sospensione, avvertendo che se i fatti dovessero ripetersi, si potrebbe passare alla revoca della ‘autorizzazione. Fatti che però si sono già ripetuti giusto una settimana fa, quando nella stessa piazza, alle 22.15, un sedicenne ha dovuto ricorrere all’aiuto del pronto soccorso perché troppo ubriaco per reggersi in piedi. Ma a quanto apre nessuna forza dell’ordine è intervenuta e nessuna sarebbe stata in grado né di individuare il ragazzo ubriaco finito in ospedale né se gli alcolici bevuti gli siano stati venduti da qualche locale. E anche per questo motivo l’ordinanza emessa dal comune che vuole reprimere proprio episodi come questi è andata disattesa.

Pgr

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti