Politica
Commenta

Eradicazione delle
nutrie: primo via
libera al Pirellone

Approvata dall’VIII Commissione Agricoltura, il 29 ottobre, al Pirellone, la legge che modifica la normativa esistente, recependo, di fatto, quella nazionale. Così, anche Regione Lombardia si allinea alla strategia varata dal Governo, sull’eradicazione ed il contenimento delle nutrie.

“Un atto atteso da tempo, soprattutto dalle province che soffrono i danni provocati dagli imponenti roditori”, ricorda Agostino Alloni, consigliere regionale del Pd, che in Aula ha presentato anche alcuni emendamenti. “Le nostre proposte migliorative del testo – prosegue Alloni – vanno soprattutto nella direzione di coinvolgere i territori, a partire dagli enti locali che poi saranno i primi a doversi occupare della questione. E il relatore di maggioranza ci ha assicurato che verranno accolte in sede di discussione in Aula”.

Molta importanza ha, secondo Alloni e Marco Carra (PD), che nel progetto di legge “per la prima volta sia prevista la possibilità di procedere con la sterilizzazione”. Il Pd ha poi sottoscritto, assieme agli altri Gruppi, una lettera, firmata dal presidente di Commissione, rivolta agli assessori all’Agricoltura Fava, al Bilancio Garavaglia e alla Sanità Mantovani in cui si chiederà di non spostare su altre voci le risorse messe a bilancio per gli interventi per il contenimento delle nutrie, come pare la Giunta abbia intenzione di fare.

Poco più di due settimane fa, all’interno della Commissione Agricoltura, s’era costituito un gruppo di lavoro con l’obiettivo di produrre un testo di legge in grado di normare una soluzione al fenomeno delle nutrie. Un primo passo è stato compiuto. Ora, bisognerà attendere l’approvazione del Consiglio Regionale. “Il contenimento si farà – conclude Agostino Alloni – ma la vera novità è che con questa legge si potrà porre come obiettivo l’eradicazione”.

La soluzione – è bene specificarlo – non è definitiva. La norma verrà discussa e votata con tutta probabilità nel mese di novembre. Ma prima che il fenomeno possa essere completamente arginato, investimenti cospicui dovranno essere profusi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti