Politica
Commenta

Malvezzi (NCD):
“oggi non c’è rischio
chiusura per il Santa Marta”

Carlo Malvezzi, Consigliere Regionale NCD, torna a tranquillizzare le acque. E lo fa con un comunicato dal titolo inequivocabile: “No a spauracchi, applichiamo i costi standard. Oggi non c’è rischio chiusura per il Santa Marta”.

“Non serve alimentare spauracchi ma avviare un percorso deciso che porti all’adozione dei costi standard nella ripartizione dei fondi alle Regioni”. Così Carlo Malvezzi, a seguito della notizia per cui l’Ospedale Santa Marta, a Rivolta d’Adda, sarebbe a rischio chiusura. “Non mi risulta che, ad oggi, la struttura sanitaria di Rivolta d’Adda sia a rischio di chiusura”, ha proseguito il consigliere. Ed ha aggiunto: “Maroni si è detto fiducioso, la manovra dovrà cambiare. Il Nuovo Centrodestra ha già provveduto a sensibilizzare i suoi rappresentanti nel Governo e ha raccolto, qui in Lombardia, l’adesione unanime di tutti i gruppi consiliari alla mozione sull’utilizzo dei costi standard con indici di efficienza, presentata al tavolo Stato-Regioni”.

Conclude Malvezzi: “voglio ricordare che le Regioni sono ad oggi le istituzioni pubbliche che hanno subito i maggiori tagli. La nostra disponibilità a rendere ancor più efficiente la spesa c’è, ma farlo con tagli indiscriminati sarebbe iniquo verso chi ha applicato politiche virtuose, come la Lombardia, oltre che improduttivo nell’erogazione dei servizi. Gli esponenti politici che fin qui si sono stracciati le vesti orientino la loro indignazione verso chi sta portando avanti una politica di tagli indiscriminati e attivino le dovute pressioni politiche per evitarla. Se la Legge di Stabilità sarà approvata così com’è, sarà inevitabile una ricaduta sui servizi“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti