Commenta

Pioggia di mozioni
dal Movimento 5 Stelle:
sette in un mese

Sette mozioni in trenta giorni. Prolifica l’attività di indirizzo del Movimento 5 Stelle cremasco dell’ultimo mese. Il gruppo pentastellato ha richiamato l’attenzione del Consiglio Comunale su tre temi fondamentali.

Quello ambientale, anzitutto. Tre le mozioni d’ambito. La prima concerne l’adozione della strategia “Rifiuti Zero”. “Già altri comuni del circondario – segnalano dal Movimento – sono passati a questa strategia o hanno intenzione di farlo (inserendolo nelle proprie linee programmatiche), primo tra tutti la vicina Castelleone che ha approvato la medesima delibera: azioni virtuose che migliorano l’ambiente e le casse comunali senza più prendere soldi dalle tasche dei cittadini”. Segue una mozione sulle “ecofeste”: “si tratta – spiegano – di un riconoscimento dei patrocini a fronte di azioni ecologiche intraprese dagli organizzatori di feste e sagre”. Infine, un documento che intende incentivare i cosiddetti acquisti verdi della Pubblica Amministrazione – Green Pubblic Procurement.

Il tema sociale, affrontato in due mozioni. Qui, il Movimento ha deciso di focalizzarsi, da principio, sulla Dote Scuola. Ecco, quindi, “una mozione presentate già in tantissimi altri comuni lombardi affinché anche Crema faccia sentire la sua voce in regione Lombardia per contestare la decisione da parte della Giunta Formigoni di destinare € 30.000.000 di dote scuole agli istituti paritari contro gli € 5.000.000 di quelle pubbliche”. Non solo. A ciò si aggiunge una seconda mozione, che “riguarda gli scrutatori durante le tornate elettorali, per i quali si chiederà al Consiglio che vengano sorteggiati tra disoccupati determinati in un apposito albo, esperienza già maturata in alcuni comuni durante la tornata elettorale europea”.

Infine, la lotta alla corruzione, e la mano tesa alla trasparenza. Secondo il 5 Stelle il Comune può – e deve – far di più per debellare la corruzione. “Per cui chiederemo di adottare la Carta di Pisa e che diventi parte integrante dei regolamenti comunali nonché una strategia definita per tutte le nomine effettuate dal Comune, affinché queste avvengano in totale trasparenza e controllabilità da parte dei cittadini”. Ancheper questo tema duplice mozione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti