Ultim'ora
Commenta

Torazzi e Zanibelli
Bene gli incontri,
ora si adoperi il Comune

Piace anche al centrodestra l’ultima iniziativa dell’Amministrazione, in tema sicurezza. Si tratta di incontri informativi, in collaborazione con le Forze dell’Ordine, previsti in ognuna delle quattro zone in cui Crema è stata suddivisa. Piace, ma non basta. Questo è quanto espresso dalla Lega Nord e dal Nuovo Centro Destra.

Cuori leggeri, alla sede del Carroccio, perché l’Amministrazione sembra aver recepito la “questione sicurezza” – per mesi, a loro dire, sottovalutata. Tuttavia, avvertono, questo non può che essere il primo passo. Ora, domanda al sindaco Dino Losa, segretario cittadino, “ritiene di sollecitare il Consiglio Comunale ad addivenire a una decisione sul “luogo” in cui affrontare e discutere di sicurezza (commissione o tavolo)?”. E ancora: “Quali interventi ritiene di mettere in campo come amministrazione comunale in tempi brevi sul tema della sicurezza?”.

Meno tiepida, invece, la capogruppo NCD in consiglio comunale: Laura Zanibelli. Saluta anch’essa con piacere la nuova iniziativa dell’Amministrazione, ma “non ci aspettiamo – scrive la capogruppo – che il Sindaco continui a far ricadere solo sugli altri le uniche decisioni e azioni possibili”. Gli strumenti ci sono, e ne fornisce qualche esempio: gli Agenti di quartiere, l’aumento dell’organico delle Polizia Municipale – per il quale è prevista la possibilità di una deroga al bilancio -, la finalizzazione della convenzione con i Carabinieri in pensione e i varchi elettronici. Non rimarrebbe che sfruttarli. Ma, secondo la Zanibelli, “l’amministrazione ha fatto precise scelte, sottovalutando evidentemente il problema sicurezza e l’evidenza dei fatti”. Esempio ne è, secondo la capogruppo NCD, l’aver preferito l’assunzione di un found raiser all’aumento dell’organico della Polizia Municipale. “E badate – prosegue la Zanibelli – nulla di personale con lo stesso ma con la spesa per la  funzione sì, visto che di finanziamenti da bandi la struttura comunale ne ha acquisiti anche di recente”. Certo: quelle proposte non sono soluzioni risolutive al 100%. “Nell’insieme – conclude la Zanibelli – daranno quel senso di sicurezza ai cittadini, ascoltati, e potranno costituire quelle azioni di deterrente  tali da non far credere il nostro territorio facile preda” della criminalità.

Zeta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti