Cronaca
Commenta

Spumante per la Lilt
Dal Rotaract Terre
Cremasche 2mila euro

Alla fine, i ragazzi del Rotaract Terre cremasche ce l’hanno fatta. A consegnare alla LILT – Lega italiana lotta ai tumori – i 2000 euro previsti dall’iniziativa, il presidente Carlo Alberto Raimondi Cominesi e tutto il gruppo al gran completo.
Parla di “un service con un obiettivo ambizioso”, il presidente del Rotaract, in merito alla campagna natalizia di raccolta fondi. L’idea, partorita verso fine ottobre, era quella di personalizzare delle bottiglie di spumante delle Cantine Ferrari, e devolvere il ricavato della vendita alla LILT. Obiettivo raggiunto non senza difficoltà – non è stato facile, raccontano da Rotaract, convincere le Cantine ad concedere un service diverso dall’originale. Ma nonostante ciò, nessuna delle 300 bottiglie di spumante è rimasta invenduta – 91 delle quali, tengono a precisare, acquistate dal Rotary Visconteo di Pandino. Anzi: a dire il vero, dichiarano in conferenza, al 7 di dicembre lo stock era già esaurito. “Siamo felici che qualcuno abbia festeggiato anche grazie a noi”, ha dichiarato Raimondi Cominesi. “Un ringraziamento – continua il vicepresidente, Pietro Perolini – a nome del gruppo va anche agli sponsor che ci hanno sostenuto: le Cantine Ferrari, IMP di Bagnolo, Grafin e Lacea”. “Ma la collaborazione con LILT – conclude il presidente Raimondi Cominesi – non finisce qui: proseguirà nell’anno sociale, per poter contribuire ancora”.
È infatti calendarizzata, tra le prossime attività della Lega anti Tumori, una giornata di informazione screening dermatologici, senologici e ginecologici in collaborazione con Rotaract. Non solo. Nelle iniziative per il 2014, la LILT ha inserito eventi quali la partecipazione alla “giornata della donna” organizzata dall’Ospedale Maggiore di Crema, nonché un incontro pubblico con medici e specialisti sul tema della prevenzione tumorale. Le date verranno specificate prossimamente.
L’attività della LILT, è utile ricordarlo, nel 2013 ha reso possibile 486 visite di controllo al seno con conseguenti 245 mammografie ed 88 ecografie effettuate prsso il reparto di radiologia. A queste si aggiungono 248 visite di controllo dei nei, 164 paptest e 14 controlli alla prostata. Numeri importanti, questi, che denotano lo stato di attività della lega.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti