Cronaca
Commenta

‘Incastrati’ dagli abiti firmati gli autori
dei due furti alla gioielleria Ruben

Sono stati gli abiti firmati a tradire gli autori dei furti da Ruben gioielli di via Dante. Si tratta di tre giovani, due ragazzi e una ragazza, cremaschi, di età compresa tra i 19 e i 22 anni. La polizia messa sulle tracce dei tre dopo una segnalazione di una persona, che l’altro giorno, aveva notato i tre ragazzi con un abbigliamento simile a quello indossato dai ladri, ripresi dalle telecamere di sorveglianza di alcuni locali nei dintorni della gioielleria.
Immediata la chiamata alla polizia che intervenuta ha rintracciato i tre in via Mazzini e li ha condotti in commissariato. Interrogati, i ragazzi, alla presenza del proprio avvocato, hanno confessato di essere gli autori dei due furti: quello andato a segno nella notte tra il 14 e il 15 novembre, dove erano riusciti a rubare un orologio del valore di circa 1500 euro, e quello del 12 dicembre, quando l’allarme li aveva fatti desistere.
Gli agenti sono riusciti anche a rintracciare l’acquirente dell’orologio Gagà rubato nel colpo di novembre. Si tratta di un giovane di Cremona, che lo aveva acquistato su eBay. L’uomo convocato in commissariato ha restituito l’orologio, ma ha rimediato una denuncia per incauto acquisto. L’uomo ha rivelato alla polizia che i ragazzi avrebbero cercato di vendergli altri dieci orologi Gagà, ma lui non era interessato all’affare. E proprio per recuperare altri orologi i tre avrebbero tentato il secondo furto. Uno dei ladri è stato ripreso con in mano un sacchetto che forse sperava di riempire di Gagà. Non è escluso che proprio con il “guadagno” dei furti i tre intendessero acquistare abiti firmati. Invece si sono guadagnati una denuncia per furto aggravato e tentato furto in concorso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti