Commenta

Scontro con l’azienda
autisti Agi incrociano le braccia
Il 10 dicembre tutti a piedi

Lo stato d’agitazione proclamato dal coordinamento delle Rsu delle Autoguidovie, lo scorso 3 novembre non ha portato ai risultati sperati.
Nonostante i ripetuti tentativi di conciliazione coi vertici aziendali, le parti sociali non sono riuscite a trovare l’intesa sui nodi del contendere. Quindi sarà sciopero. Il prossimo 10 dicembre gli autisti Agi incroceranno le braccia
Le motivazioni sarebbero da ricondurre all’inadempienza, deliberata, di Autoguidovie verso alcune voci del Testo Unico. Nello specifico, le sigle sindacali, di comune accordo, hanno deciso di indire lo sciopero per tre motivazioni fondamentali. La prima concerne la ricomposizione di una condizione di reciproca convivenza sociale nell’ambito lavorativo – sono stati segnalati atti di vandalismo, danneggiamenti alle macchine dei dipendenti, intimidazioni nei confronti dell’azienda e tensioni quotidiane spesso sfocianti in scontri verbali all’interno del personale tutto. La seconda mira all’eliminazione delle indennità di pulizia e autobus e O.V. (operazioni varie) contemplate nel T.U. del 2002 tuttora in vigore. La terza chiede un’equa ripartizione dei periodi e dei tempi di lavoro riguardo ai turno di scorta e ai turni festivi, applicate solo da alcuni ambiti aziendali.
Raggiunto telefonicamente, Enzo Galbiati, rappresentante Cgil di Autoguidovie, spiega che il disaccordo nasce da ciò che comporterebbe il mancato rispetto delle normative siglate dalle parti sociali. Antitutto una riduzione tra gli 80 e i 100 euro in busta paga per i dipendenti. Inoltre, l’estrnalizzazione di alcune mansioni previste nel T.U. del 2002 è stata una scelta intrapresa unilateralmente.
Le rimostranze, mai recepite dalla dirigenza, sono sfociate nello stato d’agitazione proclamato ad inizio mese. A nulla è servito l’incontro di conciliazione avvenuto martedì 12 in prefettura a Milano, dove l’azienda ha rigettato ogni possibilità di mediazione. Tutte cause, queste, confluite nella decisione di indire lo sciopero generale previsto per la giornata del 10 dicembre. Le fasce orarie interessante saranno: dalle 11 alle 15 il personale viaggiante, e nelle ultime 4 ore del turno il settore impiegatizio ed operaio. Le zone interessate dallo sciopero saranno il cremasco,, la zona di Monza-Brianza e il sud-est milanese.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti