Commenta

Luxe Pack, il lusso
del Polo Cosmesi
sfila a Monaco

In questi giorni Monaco è diventata la capitale mondiale dell’imballaggio di lusso.
Infatti Luxe Pack unisce, all’interno del Grimaldi Forum, tutte le tecniche, le soluzioni e i materiali per essere il più importante appuntamento mondiale per tutti gli attori della filiera dell’imballaggio.
Il salone è giunto alla sua 25 edizione e oggi accoglie circa 400 società provenienti da tutto il mondo per assicurare la massima ispirazione per l’ambito dell’imballaggio del settore cosmetico. Anche quest’anno la parola d’ordine ė innovazione che è fondamentale per poter essere pionieri e unici.
Il Polo della Cosmesi non poteva mancare a questo evento. Oltre a Lumson, Baralan, Eurovetrocap già habitué della manifestazione, dopo il grande debutto dell’anno scorso G.box è anche quest’anno in prima linea con le sue prestigiose couvette e box rigide. Il motto aziendale è “Spazio alla creatività per piegare la materia”. Queste poche parole sottolineano il carattere innovativo e flessibile di G.box che lavora insieme al proprio cliente per trovare la soluzione migliore alle sue esigenze. L’azienda di Mezzano oltre a dedicarsi alla produzione cartotecnica, realizza anche lavorazioni in legno e in altri materiali grazie alla falegnameria interna: si tratta di veri e propri mobili in cartotecnica. Il mercato si sta muovendo verso il lusso più sfrenato, alla ricerca di finiture sempre più ricercate. G.box vanta partnership con alcuni marchi più importanti al mondo e lavora con la Francia, la Russia, l’Ucraina, gli Emirati Arabi e la Danimarca.
Primo debutto, invece, per Taba Cosmetic Packaging, azienda entrata da pochi mesi nel Polo della Cosmesi che si occupa di stampaggio e assemblaggio di materie plastiche e offre al proprio cliente un servizio completo che va dalla progettazione alla decorazione di ogni tipo di packaging per il settore pharma – cosmetico. L’azienda presente nel salone con uno stand accattivante di un nero lucido decorato da fili dorati, rappresentativo della grinta della persona alla sua guida, offre supporto tecnico e mette a disposizione il proprio laboratorio e la propria attrezzeria per realizzare prodotti personalizzati.
Girando per i corridoi del Luxe Pack si notano numerosi stand “green” che sottolineano l’attenzione all’impatto ambientale del materiale utilizzato nell’imballaggio. Attenzione che non manca alle aziende del Polo che da luglio 2013 hanno iniziato a fare i conti con il nuovo Regolamento Europeo particolarmente esigente e vincolante dal punto di vista della sicurezza del prodotto finale. Il settore del packaging sta quindi giocando una partita dove l’eccellenza e la qualità dei prodotti saranno premiati. Premio conquistato se questa eccellenza e qualità saranno comunicate dalle aziende in maniera adeguata e congiunta, altrimenti il rischio è quello di essere superati da chi propone prodotti a basso valore.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti