Commenta

Nuova sede per il Cre,
80 metri per togliere
i containers

AGGIORNAMENTO – Nuova sede per il Cre. Dopo il sopralluogo di questa mattina al quale hanno preso parte i consiglieri regionali, Carlo Malvezzi e Agostino Alloni, oltre al dirigente del settore Patrimonio della Regione, Enzo Spoto e i volontari del Centro di riabilitazione equestre tra i quali Agostino Savoldi e Luciano Capetti, il Cre potrebbe avere una nuova sede. Circa 80 metri quadrati nell’area degli Stalloni, dove una volta sorgeva la vecchia sede. Speranza da parte dei volontari. “Speriamo – esordisce infatti Capetti – è l’ennesimo sopralluogo, ma questa volta sembra sia quella buona, anche perchè non possiamo stare nei container tutto l’inverno, fa freddo. Sono tre locali, uno a posto, gli altri da sistemare, ma possiamo pensarci noi. Poi la riqualificazione potrebbe rientrare nel progetto più ampio al quale Regione e comune pare stiano lavorando”.
Resta però un nodo da sciogliere per la salvaguardia del Cre: il mantenimento dei cavalli fino ad ora in capo a Ersaf che però lascerà gli Stalloni. “Il costo è di circa 20mila euro l’anno, ma senza contributo per noi è un problema. Il sindaco si è impegnato a contattare le banche per cercare un aiuto, in caso contrario per noi sarà difficile continuare l’attività”, afferma Capetti.
“La continuità di un centro così importante è un tema che mi è sempre stato a cuore considerate le finalità che si prefigge”, aveva detto Malvezzi che aveva anche chiarito che che le intenzioni di Regione Lombardia sono quelle di “favorire un recupero complessivo dell’area degli Stalloni, allo scopo di insediarvi alcuni servizi di pubblica utilità. Proprio per questo la Regione ha prediposto un Accordo di Programma che è al vaglio dell’amministrazione di Crema”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti