Commenta

Piano d’area, Pieranica diffida la Provincia
Torchio: “Serve commissione di Garanzia”

Comune di Pieranca contro la Provincia di Cremona. Il motivo? Una variante che la giunta provinciale avrebbe concesso al Pgt del comune di Vailate, che secondo gli amministratori di Pieranica andrebbe a ledere gli interessi del comune. Non si sbilanciano però a Pieranica, né il sindaco Antonio Benzoni, né il legale incaricato Giuseppe Lupo Stanghellini, entrano nei particolari, in quanto ritengono prematuro parlare della questione. Ma il fatto è che lo scorso 25 luglio con una determina il comune di Pieranica ha dato incarico al legale per diffidare la Provincia di Cremona. Perché? Per tutelare le ‘prorie ragioni – si legge nella determina – palesemente lese dalle determinazioni da ultimo prese dalla Provincia di Cremona in merito al Piano territoriale d’area dell’alto cremasco”. L’intenzione è di procedere prima con una diffida cercando di scongiurare qualsiasi azione legale. La questione è finita immediatamente sui banchi del consiglio provinciale attraverso una interrogazione urgente presentata dal consigliere di minoranza Giuseppe Torchio, nella quale chiede di convocare urgentemente le commissioni Territorio e di Garanzia per affrontare la vicenda e per arrivare ad un’intesa sull’intera problematica. Torchio ricorda che  “è stata ripetutamente sollecitata una audizione degli amministratori comunali dell’area individuata e dei vari portatori d’interesse presso le competenti Commissioni Territorio e “di Garanzia” in ordine ai contenuti del Piano Territoriale d’Area dell’Alto Cremasco”. Una verifica che avrebbe già avuto il benestare dei gruppi consiliari, soprattutto dopo l’approvazione da parte della giunta di una variante al Pgt di Vailate che sta “generando una  serie di contraccolpi a livello locale”.

IL PUNTO DEL CONTENDERE

Pare che la questione sia legata all’accordo raggiunto dai comune di Quintano, Vailate e Capralba che ritengono che l’area industriale sovraccomunale, prima individuata a Pieranica debba essere invece realizzata a Vailate in quanto vicino al Bre.be.mi. Questione che eviterebbe di creare nuove infrastrutture per raggiungere l’area industriale. A spiegare la motivazioni il sindaco di Capralba, Pierluigi Lanzeni, che chiederà alla Provincia di stralciare dai piani la prevista bretella di Capralba, ‘perché – dice – sarebbe uno scempio per il territorio e non necessaria se l’area sarà individuata a Vailate. Inoltre Pieranica – aggiunge –  non ha ancora sottoscritto il Piano d’Area e quindi non può rivendicare nulla. Infine Capralba, Vailate e Quintano che hanno anche in essere la gestione associata dei servizi. E’ scelta di bion senso e logica dl territorio visto che Pieranica ha fatto altre scelte, che noi rispettiamo. Ora anche Pieranica rispetti le nostre”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti

Direttore
Mario Silla
direttore@cremonaoggi.it

Redazione
via Bastida 16 – 26100 Cremona
redazione@cremaoggi.it

Telefono Centralino
0372 8056

Telefono redazione
0372 805674/805675/805666
Fax 0372 080169

Pubblicità
Tel 0372 8056
pubbli@cremonaoggi.it

Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Mario Silla.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

Created by Dueper Design