Cronaca
Commenta2

Autobus a 40° e fermate soppresse,
i pendolari chiedono aiuto
al sindaco Bonaldi

Non sono solo i pendolari dei treni ad essere sul piede di guerra. Le giornate nere si moltiplicano e coinvolgono tutti i trasporti pubblici utilizzati dai cittadini per recarsi a Milano. L’estate è arrivata puntuale e con lei i disagi da gran calura sui pullman, che nella giornata di ieri, lunedì, ha raggiunto, sia sul bus in partenza da Milano per Crema, delle 17,20 che su quello delle 18,20, i 40 gradi. Ma il disagi per i pendolari sono molteplici: raffiche di mail sono arrivate soprattutto da coloro che lavorano nell’area Eni che dall’entrata in vigore del nuovo piano lamentano una serie di disagi dovuti alla cancellazione di corse e fermate. I pendolari, dopo ripetute lettere alla società e all’assessore provinciale Giovanni Leoni, Provincia di Cremona, che ha risposto attraverso il Dirigente Settore Territorio e Trasporti Provincia di Cremona, Maurizio Rossi, hanno deciso di chiedere aiuto al sindaco di Crema, Stefania Bonaldi perché si interessi della situazione e magari, come già avvenuto con l’intervento dei sindaci di Bagnolo Cremasco, Monte Cremasco e Vaiano Cremasco riesca a far reintrodurre alcune corse e fermate.

LA LETTERA AL SINDACO BONALDI

Gentile Signora Bonaldi Buongiorno

Le scrivo a nome e per conto dei pendolari ENI di Crema che ogni giorno usufruiscono della Linea Crema San Donato di Adda Trasporti per gli spostamenti di lavoro.

La presente per metterla al corrente di una situazione diventata insostenibile.

Con Adda Trasporti, Eni ha stipulato una convenzione cui hanno aderito la maggior parte dei dipendenti ENI Cremaschi sottoscrivendo un abbonamento annuale con precise condizioni di viaggio.

Dal dieci giugno queste condizioni di viaggio non sono piu garantite a causa di variazioni di orario imposte da Adda Trasporti.

Questo ha portato a notevoli disagi: il ritardo dell’orario di arrivo a Crema alla sera, il viaggio su autobus stipati come sardine con temperature da sauna (il condizionamento del mezzo non è sufficiente per garantire temperature accettabile), le continue fermate lungo la Paullese,  Utenti costretti a viaggiare in piedi….

L’11 giugno abbiamo fatto presente questa situazione e chiesto che, a fronte dei cambiamenti imposti, potesse esserci da parte di Adda Trasporti, un ritorno di servizio verso gli utenti [Con la presente si chiede di far transitare tutti gli autobus, in direzione Crema del pomeriggio, lungo il “percorso” palazzi ENI (Cancelli, Viale De Gasperi, Bolgiano). Crediamo questo sia fattibile sia per il tragitto interno in San Donato, sia perche non comporta un aumento dei Vostri costi, visto che tale modifica l’avete già messa in atto con gli autobus delle 17.00, 17.20, 17.40, e 18.20.]

A seguito della nostra segnalazione (indirizzata anche all’assessore ai trasporti della provincia di Cremona) non abbiamo ricevuto riscontro,  come non abbiamo ricevuto riscontro nemmeno alla sollecitazione scritta il successivo 14 giugno.

L’unica risposta l’ho ricevuta questa mattina dall’ Arch Maurizio Rossi Dirigente Settore Territorio e Trasporti Provincia di Cremona, dove fra le norme contrattuali fa riferimento a Tale scelta è coerente con la necessità di ottimizzare le risorse disponibili all’interno di una rete di servizi (Legge 24/12/2012 n. 228 e legge regionale  n. 6/12) che obbliga gli Enti a garantire la sostenibilità economica anche dei servizi di trasporto pubblico locale e propone di eliminare le sovrapposizioni dei servizi di TPL ( gomma/ferro e urbano/extraurbano già in essere ) per un impiego più razionale delle risorse disponibili.

Le chiedo quindi cortesemente la sua disponibilità ad intervenire affinché da parte di Adda Trasporti ci sia un rispetto (RIPRISTINO) delle “condizioni contrattuali di viaggio” che erano in vigore all’atto della stipula dell’abbonamento,  oppure da parte di Adda Trasporti,  prendere in considerazione la proposta da noi avanzata e riportata sopra. Questo, se non altro, per garantire rispetto agli utenti/cittadini che ancora utilizzano i mezzi di trasporto e che hanno già garantito ad Adda Trasporti il versamento dell’importo totale dell’abbonamento.

Certi in un suo cortese e sollecito riscontro

Distintamente

I pendolari ENI Crema San Donato

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti