10 Commenti

Causa maltempo rinviato il May Rock,
ma le minoranza polemizzano:
“Costa troppo: 6500 euro”

Il maltempo imperversa e per l’ennesima volta nel fine settimana le manifestazioni devono essere sospese. Vittima della pioggia anche May Rock, l’evento musicale previsto per domenica 26 maggio al Parco Bonaldi, in ricordo di Niccolò Campi ed organizzato dall’amministrazione in collaborazione con Scream, il gruppo di amici di Niccolò, scomparso in un tragico incidente. Ma il rinvio non ha risparmiato la manifestazione da critiche. May Rock ed in particolare i costi dell’organizzazione a carico del comune sono finiti nel mirino del centrodestra e in particolare del Pdl e del gruppo ‘Solo cose buone per Crema’.

“La previsione di spesa a carico delle casse comunali è di 6500 euro,  così recita la delibera; intanto il bilancio comunale non è ancora stato né presentato né approvato in consiglio comunale”. Questa la prima rimostranza alla quale va aggiunto il fatto che l’evento durerà dalle 10 del mattino fino alle 2 di notte, il che, secondo il centrodestra cremasco potrebbe causare non pochi problemi ai residenti. Queste le rimostranze di Pdl e Solo cose buone per Crema, che si dicono favorevoli alla scelta dell’assessore Paola Vailati di trasferire la cultura nei quartieri periferici, ma che avrebbero preferito una maggiore attenzione alla scarsità di risorse. La soluzione quindi? L’utilizzo di Cremarena. “Abbiamo – dicono infatti i consiglieri di minoranza – in Crema il Cremarena: sicuramente il suo utilizzo non avrebbe comportato l’esborso di queste cifre ad esempio per palco, luci di emergenza, assistenza tecnica per tutta la durata della manifestazione, bagni chimici. Certo non sarebbe stato un evento in periferia, ma 6500 euro non son cosa da poco di questi tempi ed in un settore quale della cultura che soffre sempre di tagli”.

“Speriamo almeno che i cittadini della zona non vengano disturbati dalla musica già prevista fino alle 2 di notte e  prima di un giorno lavorativo o di studio; musica contenuta dicono, ma se ci si aspetta un certo pubblico non sarà solo un problema di musica ma anche di mezzi in movimento, smontaggio degli stand e quant’altro”. Affermano. Ma visto il maltempo l’evento domenica non ci sarà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • LL

    Per due anni consecutivi a Vaiano CR. è stata fatta una festa per i giovani senza troppi problemi (si è usato il budget, senza esaurirlo, destinato alle attività per i giovani stanziato al consigliere di turno).
    Basta essere innovativi e non fare continuamente i bigotti, feste di questo tipo generano un introito che può di gran lunga colmare i costi di realizzazione, e anche creare guadagni alle attività coinvolte nell’iniziativa. A Crema era già stata proposta un evento simile, nel 2010 e nel 2011, senza ricevere una neanche minima risposta dall’allora Sindaco o chi per esso.

    Ben vengano queste manifestazioni!

  • Matteo Campi

    Vado a memoria: Domenica 3 luglio 2011 (eh, sempre di domenica [cit.]), Pooh in piazza Aldo Moro (chiusa dal pomeriggio prima per allestimento palco), casse comunali imegnate per 36.000€, ingresso solo a pagamento (biglietti a partire dai 35 fino ai 65€!!!), iniziativa per la quale l’allora assessore Beretta sosteneva (parole sue!): “si sa che la cultura se non è economicamente sostenuta va in seria difficoltà”, 2000 gli spettatori.

    Investimento del comune per 36.000€, disagi agli abitanti della zona e non solo(piazza Aldo Moro è il principale parcheggio per il centro storico e dista non piu di 300 mt da CremArena!), giovani o meno giovani coinvolti solo coloro che si sono pagati un biglietto (a prezzo di mercato), un discreto incasso per i Pooh, che si sa, hanno bisogno…

    Oggi l’amministrazione decide di investire 6500€ in un progetto che è stato organizzato dall’unica socialzine cremasca, coinvolgendo 9 esperienze musicali diverse tutte del cremasco, alla quale si potrà assistere del tutto gratuitamente. Questo si chiama investire sui giovani. Sulle loro aspirazioni, nelle loro passioni, con i loro talenti. Questo vuole dire farli crescere, far loro prendere consapevolezza che vale molto di più sbattersi per le cose in cui si crede, piuttosto che bighellonare e lamentarsi del futro difficile ed incerto.
    Questo si che è investire. Questo si che è fare Cultura.

  • Claudio Dagheti (io non mi nascondo dietro gli pseudonimi)

    “Per crescere un bambino ci vuole l’intero villaggio”…credo che sia questa la chiave con cui leggere questa iniziativa. I giovani (ma anche gli adolescenti ed i bambini) devono crescere ed occorre dar loro la possibilità di essere accompagnati in questo difficile percorso. Gli adulti, dal canto loro, devono essere presenti, regalare possibilità di protagonismo, investire sulle loro doti ed aiutarli a crescere nell’autonomia. Non ci si può lamentare dei giovani “bamboccioni” se poi li si vuole bamboccioni! In questo caso ci troviamo di fronte a giovani volenterosi che, in autonomia, hanno creato una realtà unica a Crema, ScreamZine, in ricordo del loro amico scomparso solo due anni fa ed ora si sperimentano con il MayRock: evento musicale UNICO in città. Organizzare un evento non è una passeggiata: occorre trovare sponsor, chiedere permessi, SIAE, sicurezza, recuperare un palco, l’impianto, preparare locandine, ecc…credo che sia ingiusto premiare questo impegno intenso e gratuito con polemiche sterili (ed in questo caso, si..gratuite!).

  • max

    Solo chi non ha mai organizzato un tubo non sa che come minimo tra siae e service, costi che ci sarebbero anche a Cremarena, una spesa di alcune migliaia di euro ci sarebbe comunque…..per chi ha la memoria corta ricordo quella amministrazione che ha portato i Pooh a Crema (in Piazza Aldo Moro e non a Cremarena, guarda un pò) spendendo 90mila euro…adesso fanno gli schizzinosi per un quindicesimo!

  • Carlo

    beh, dopo i 3000€ per i manifesti, altri €6500 che potevano essere meglio destinati
    E siamo a €9500

  • pecora nera

    L’assessore Vailati,come tutta la giunta Bonaldi,vive nel mondo della
    fantasia……svolazzano senza vedere i veri problemi di Crema e del territorio!LAVORO,LAVORO,LAVORO questa e’ l’unica PRIORITA’

  • Michele Beretta

    Ancora con ‘sta storia che la Vailati non lavora! Guardate sul sito del Comune: nel cv c’e’ scritto: Lavora!
    E comunque su cremaonline dicono che anche gli sponsor contribuiranno. E poi se certe cose si possono fare a costo zero (e si stanno facendo) su altre si deve investire! Solo la SIAE quanto costera’? Lo scorso anno a MayRock c’erano centinaia di persone!

  • giuly

    Solo cose buone per Crema! Poi bisogna vedere cosa intendono per buone

  • Lollo

    Finche’ una persona non lavora non puo’ capire il reale valore dei soldi! Fermate la Vailati!

    • Luca

      Sta qua da sola è un debito…