Un commento

Ubriaco e violento
aggredisce carabinieri:
era stato espulso nel 2008

Un extracomunitario già noto alle forze dell’ordine e arrestato per stupefacenti ed espulso nel 2008 si è rifatto vivo la scorsa notte a Vailate, vicino Crema, dando un bel po’ da fare ai carabinieri in servizio. L’uomo era stato avvistato da un residente del comune cremasco attorno all’una di notte mentre zigzagava sulla bicicletta, completamente ubriaco, fino a cadere. Soccorso dai Carabinieri, veniva trasportato all’Ospedale, dove però reagiva, rifiutando di fornire le proprie generalità, oltraggiando e minacciando i militari che lo avevano trasportato al pronto soccorso e anzi accusandoli di essere stati loro la causa delle contusioni alla faccia.  Una volta uscito dall’ospedale, attorno alle 8 di mattina, si è ripresentato alla caserma dei carabinieri di Vailate, dove ha aggredito il militare di servizio, che coadiuvato dal comandante della stazione lo ha immobilizzato e condotto in caserma a Crema.

L’uomo, sprovvisto di documenti è stato arrestato ed associato nelle camere di sicurezza in attesa della direttissima. Senza fissa dimora, disoccupato, è ritenuto responsabile di rifiuto di indicazioni sulla propria identità, oltraggio, resistenza a pubblico ufficiale e calunnia.

Un tipo violento ben noto alle forze dell’ordine. Dopo il provvedimento di espulsione emesso a Cremona, nel 2009 veniva denunciato per resistenza dai carabinieri di Rivolta d’Adda; l’anno successivo a Caravaggio forniva false generalità per evitare l’espulsione. A febbraio 2012 il fatto noto più grave: davanti alla stazione ferroviaria di Treviglio, armato di una bottiglia rotta, litigava con un connazionale per fatti mai spiegati e reagiva all’intervento delle forze dell’ordine ferendo un agente. Nel mese di marzo 2012 era stato sorpreso in contravvenzione, ubriaco a Caravaggio. Infine, i fatti dell’altra notte a Vailate, dopo un breve periodo trascorso a Quattro Castella (RE).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • M.M

    Questo qui andrebbe portato a casa della MINISTRA o a casa della sboldrini…