Ultim'ora
2 Commenti

Tutti sul treno a vapore
Folla per i 150 anni della
ferrovia Cremona-Treviglio

Una grande folla ha accolto stamattina l’arrivo del treno a vapore in città. Alla stazione centinaia di persone si sono riversate per le celebrazioni dei 150 anni della ferrovia Cremona-Treviglio. Già mezz’ora prima dell’arrivo la piazza antistante era affollato di autorità e gente comune, con tanto di corteo in costume: da Cavour a Mazzini fino a al Papa e ai piccoli garibaldini Cesare e Valentina, tutti ad accogliere il treno.  Il fascino del convoglio d’epoca, trainato da una locomotiva che di anni ne ha cento: il suo primo viaggio nel 1913, ha attirato la folla delle grandi occasioni.

Partito da Milano con a bordo già centinaia di persone che hanno deciso di calarsi per una domenica nelle atmosfere dell’epoca è arrivato a Crema intorno alle 10,30. Centinaia gli scatti che hanno immortalato il momento rovinato purtroppo da un acquazzone che proprio nella mezz’ora di sosta in stazione è caduto sulla città. Il treno ha poi accolto a bordo altrettanti cremaschi che hanno deciso di provare l’emozione del viaggio. Tantissimi i bambini a bordo, chi emozionato come Giulia, chi intimorito, come Viola, al primo viaggio su un treno, chi, come Davide, piccolo di Pavia accompagnato dai genitori, si era preparato portando con sè una piccola locomotiva giocattolo, andata smarrita e poi fortunatamente ritrovata durante il viaggio. Il  viaggio è passato per le stazioni di Madignano, Castelleone  e  Soresina, accolto ogni volta da bande e folla di gente che hanno salutato con gioia  l’arrivo del treno Ritornato a Crema per l’una. Nel pomeriggio il treno d’epoca  si è  diretto a Treviglio per poi fare ritorno a Milano.

“Il treno a vapore ha rappresentato una rivoluzione all’epoca –  ha affermato il sindaco Stefania Bonaldi intervistata dal tg 3 regionale – La celebrazione di questo evento ci offre l’occasione non solo di rievocare l’importanza del mezzo pubblico che ha collegato la città di Crema alle tratte ferroviarie principali, ma di pensare ad una nuova mobilità sostenibile, il vero futuro nel mondo dei trasporti”.

“Un’iniziativa, quella dei 150 anni del treno a Crema, – ha proseguito Matteo Piloni, presidente del Consiglio Comunale, – che  ha visto coinvolta tutta la città con una serie di iniziative;  incontri, mostre documentari, annullo postale, ristoranti che per l’occasione hanno proposto menu’ convenzionati,  a cui i cittadini  hanno  risposto con entusiasmo. Una commemorazione del passato per gettare uno sguardo sul futuro con l’obiettivo di migliorare la mobilità del territorio che, in questi anni, è stata penalizzata. Tra i progetti quello , mai abbandonato, di un treno diretto Crema – Milano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti