3 Commenti

Bilancio, via libera della maggioranza
Saltini: “Imu al massimo
per banche e sale slot”

Bilancio, ancora tante incertezze, ma la maggioranza ha raggiunto l’accordo. Dopo l’ultima riunione di ieri, il documento economico finanziario del comune per il 2013 sembra essere chiuso. A comunicarlo è lo stesso assessore alla partita Morena Saltini, che qualche giorno fa affermava: “Ci sono incertezze per quanto riguarda l’Imu, soprattutto la data di giugno, ma intendiamo approvare il bilancio quanto prima, poi se qualcosa cambierà procederemo a delle variazioni. Abbiamo provveduto come giunta a confermare tutte le tariffe in vista dell’approvazione del bilancio”. Confermate infatti da parte dell’esecutivo guidato da Stefania Bonaldi le tariffe per il commercio su aree pubbliche, quelle per la pubblicità e le affissioni, così come quelle per il trasporto pubblico e la Cosap. E dopo aver presentato ai consiglieri le ipotesi per il piano delle opere pubbliche, fattibile solo grazie alle alienazioni. Ora la giunta dovrà chiudere il bilancio, per poi portarlo all’attenzione del consiglio comunale. Un lavoro non facile, visto i tagli continui, il patto di stabilità da rispettare e la mancanza di risorse per gli interventi, per i quali la giunta sta già cercando fondi con la messa in vendita dell’ex Aci. Vendita sporsorizzata anche dallo stesso sindaco sulla sua pagina Facebook, dove Stefania Bonaldi non fa mistero delle preoccupazioni legate alle risorse: “In preoccupata attesa di sapere cosa ne sarà dell’Imu di giugno (e dei nostri bilanci comunali), in vendita l’immobile ex Aci di via Stazione”, scrive infatti.

Soddisfatta per il risultato l’assessore Saltini: “Le linee guida sono pronte: abbiamo messo a pareggio i famosi 4,6milioni di euro che mancavano. Tra mancati trasferimenti dallo Stato, assenza di altri 2milioni di euro che lo scorso anno erano entrati nelle casse comunali grazie al recupero dell’Ici e di altri 300mila euro, rate del leasing del sottopasso, il l’ammanco è di 4milioni e 600mila euro. Abbiamo provveduto ad un taglio delle spese, dagli appalti, al personale, fino alle forniture e ai canoni di locazione, ma per recuperare il mancante abbiamo dovuto anche aumentare le imposte”.

Come annunciato l’Irpef passerà dallo 0,5% all’0,8% con la salvaguardia della fasce più deboli. “Un aspetto importante perchè siamo riusciti a salvaguardare coloro che hanno un reddito inferiore ai 15mila euro”, spiega l’assessore.

Invariata l’Imu sulla prima casa, ma su quella sulle seconde case che passerà dallo 0,9% allo 0,98%. Come annunciato da tempo per le banche e le case da gioco l’Imu sarà portata al massimo cioè all’1,06%. “Anche in questo caso, – sottolinea l’assessore Saltini – abbiamo salvaguardato le onlus che avranno l’esenzione”

Il bilancio sarà portato all’attenzione del consiglio comunale entro il prossimo 30 giugno: “Abbiamo atteso finché abbiamo potuto ma ora dobbiamo procedere perché senza il bilancio non è possibile assumere personale a tempo indeterminato e il comune ne ha bisogno, così come non è possibile fare alienazioni e quant’altro. Il comene resta ingessato e quindi giocoforza dobbiamo procedere”, ha commentato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Alberto

    Vergogna davvero!!! Con tutte le difficoltà che hanno le persone normali…aumentare così l’IRPEF e` vergognoso!!! E poi anche l’IMU….senza parole davvero. E abbiamo strade rotte e pochissimi servizi malfuzionanti quelli!!!
    Non vi voterò mai più!!

  • Luca

    Non mi sembra che abbiate fatto del taglio del personale dato che avete assunto una “professionista in comunicazione” pagata 15.000 euro all’anno…

  • Lollo

    E cosi” la sindaca ha mantenuto le promesse elettorali! Aumentate le tasse e mantenuti tutti i privilegi, anzi aumentati visto che ha fatto assumere una trombata della sua lista per scrivere quattro c……! Vergognati vergognati vergognati!!!!!!!