Politica
Commenta3

Elezioni, al voto Capergnanica,
Trescore e Castel Gabbiano
Qui si presentano 5 liste

Castel Gabbiano, Capergnanica, Trescore Cremasco: tre paesi ad elezione. Consegnate oggi ufficialmente le liste che il prossimo 26 e 27 maggio correranno alle elezioni amministrative nei tre comuni e si contenderanno il governo locale. Una strana storia accomuna i tre comuni: tutti, chi prima, chi poi sono stati commissariati. Ecco il motivo per cui, a differenza della maggior parte del territorio cremasco, in questi tre paesi si rinnoverà il consiglio comunale e il sindaco alla fine di maggio.

CASTEL GABBIANO
Sorpresa a Castel Gabbiano:  nel piccolo comune, con meno di 500 abitanti,  commissariato sono cinque i candidati che mirano alla poltrona di sindaco. E tra questi anche la lista “Movimento Fascismo e Libertà” che candida sindaco Gianfranco Tesauro. Nata da una costola della maggioranza uscente, commissariata per forti diatribe interne è la lista “Radici e Futuro” Qui la novità è la candidata sindaco Rosanna Ignazi, sostenuta dal sindaco uscente Santo Milanesi e dal vice sindaco Giorgio Sonzogni, da Claudio Gipponi, Virginio Tedoldi, Giuseppe Gamba e Domenico Campagnano. Altro candidato con la lista “Volti nuovi insieme” è Pierangelo Bianchessi, da sempre residente in paese e con Ignazi, candidato che può sperare nell’elezione. In campo anche la lista “I Pirati” che aveva fatto già la sua comparsa alle scorse elezioni politiche, che candida Antonietta Di Martino e la “Lega Lombarda Veneta” che presenta Gianfranco Borlenghi.

TRESCORE CREMASCO

Trescore Cremasco arriva a scadenza ‘naturale’ del mandato, visto che il commissariamento risale a una decina di anni fa e da allora sono trascorsi due mandati del sindaco Giancarlo Ogliari, ora non più ricandidabile. Due le liste che si presentano qui: quella della maggioranza uscente, “Uniti per Trescore Cremasco”, e quella della Lega Nord. La prima presenta come candidato sindaco Gianmario Mazzini, che per dieci anni ha ricoperto la carica di assessore ai Servizi Sociali. Con lui in lista, il sindaco uscente Giancarlo Ogliari, il vicesindaco uscente Osvaldo Ogliari, il capogruppo Damiano Marchesani, la consigliera Elena Pandini, e due giovani: Laura Cornaghi e Elisa Ventura, figlia dell’assessore uscente Pietro Ventura.

Fa il bis come candidato della Lega Nord invece Angelo Barbati, leghista doc, già candidato sindaco alle scorse elezioni e ex segretario provinciale del Carroccio. Con lui nella lista della Lega Nord, che oggi pomeriggio aprirà il Lega Nord point, Filippo Barbati, consigliere uscente e consigliere provinciale, Daniele Bianchessi Barbieri, consigliere uscente, Marco Rossi, segretario locale del Carroccio, Daniele Provana, Ingrid Maria Stella Indaghi e Daniele Boiocchi.
CAPERGNANICA
Commissariato qualche mese fa, il comune di Capergnanica torna ad elezioni, dopo un periodo di scontri interni alla Lega Nord che hanno determinato la caduta dell’allora sindaco Giorgio Picco e il commissariamento della sezione. Sconti non ancora terminati visto che al sindaco uscente e ora ricandidato non è stato concesso l’uso del simbolo del Carroccio, ma con l’appoggio sia della Lega Nord che del Pdl. Quindi si ripresenterà con i consiglieri che qualche mese fa l’avevano sostenuto fino all’ultimo e con una lista civica “Capergnanica Futuro e tradizione”. Con lui Vittorio Bassoricci, consigliere uscente, Rossi Gianfranco, consigliere uscente, Stefano Guercilena, Silvia Crotti, assessore ai Servizi Sociali dell’ultimo mandato, Filippo Barbaglio e Gianmario Moro.
Lo sfidante, uscito vincitore dalla primarie che lo avevan visto contrapporsi a Stefano Begotti, è Alex Servergnini, candidato sindaco di “Capergnanica Amica”. A sostegno di Severgnini, Barbara Carniti, Elena Nichetti, Emanuele Frassi, Renato Costini, Paola Ciattini e Simona Bettinelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti