Sport
Commenta

Reima importante
vittoria nel derby
lombardo con Brescia

La Reima vince il derby lombardo contro Brescia e continua a sperare nella salvezza diretta nel campionato di serie B1, vedendo ora la terra promessa ad un solo punto di distanza. Un successo meritato da parte dei blues di Marco Gazzotti, che più forti delle pressioni create dai risultati delle avversarie, che possono solo recriminare per l’esito del terzo parziale.

Il PalaBertoni, tinto di biancoazzurro come ai tempi d’oro, ha fatto da splendida cornice all’incontro, valido per l’undicesima giornata di ritorno. I padroni di casa ingranano subito la quinta con Corti che sigla il punto del 10-5; Brescia prova a rientrare ma la Reima mantiene sempre un margine di vantaggio abbastanza consistente, così si va al secondo tempo tecnico sul 16-11, grazie all’attacco vincente di Egeste. Gli ospiti tentano un colpo di coda ma alla fine Silva chiude sul 25-17.

All’inizio del secondo set Crema prosegue a menar le danze con Corti (9-8). Poco per volta le rondinelle di Zambonardi risalgono la china sino al 11 pari. Dopodiché la Reima non scaccia le proprie paure: Brescia fa pressione in battuta, la ricezione cremasca tentenna e la manovra offensiva, guidata dall’esperto Mazzonelli, gira a vuoto. Da ciò nasce di otto a due per la squadra ospite che, in sostanza, apre il 15-25 finale.

Colpita ma non affondata la Reima non si scoraggia, anzi, come l’araba fenice, riemerge dalle proprie ceneri. Bobo Corti mattatore dalla linea del nove metri regala il primo allungo (10-5), a questo punto Faccioli e Bigarelli trascinano Crema sul 20-13 e spengono gli ultimi fuochi bresciani, Corti chiude sul 25-18.

La quarta frazione di gara vede la Reima, trascinata dai cori dei Wild Kaos, iniziare con il passo giusto (12-6) ma sempre sul più bello, Brescia guasta la festa, con Crosatti al servizio infila un break di zero a sette. Nelle difficoltà Crema riprende a macinare gioco e punti (17-13, ace Mazzonelli) sino al 23-20. Una decisione arbitrale discutibile e la forza di volontà dei bresciani generano un parziale di cinque a zero, fatale per i colori blues e che prolunga l’incontro al tiebreak.

La squadra di Gazzotti non assorbe il colpo, anzi fatica a calarsi mentalmente, Brescia pigia sull’acceleratore (1-5) ma finisce la benzina. Corti e Faccioli capovolgono il punteggio 9-7, ritornato in vantaggio Crema non molla la presa sino alla conquista del quindicesimo punto. Nel prossimo turno la Reima dovrà affrontare l’insidiosa trasferta di Olbia, squadra aritmeticamente salva.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti