Cronaca
Commenta1

“I Care”, gli Alpini
si prenderanno cura
del Campo di Marte

E’ pronta la convenzione tra Ana (Associazione Nazionale Alpini), sezione di Cremona  e il comune per la cura e manutenzione del verde.  L’associazione si è resa disponibile ad occuparsi dell’area del  Campo di Marte, uno spazio molto importante per la città sia per la grandezza si perché  frequentata dai bambini per la presenza di  diverse aree giochi.

“La scelta di aprire alle associazioni di volontariato, ai privati , commercianti e cittadini per la cura e manutenzione del verde – afferma l’assessore ai Lavori Pubblici  Fabio Bergamaschi – si è dimostrata strategica e  vincente.  Le numerose  disponibilità  ricevute testimoniano la grande sensibilità verso le aree verdi  e i parchi della nostra città . Ringrazio davvero tutti coloro che sono intervenuti a sostegno dell’amministrazione comunale in tale contesto di difficoltà economica. E’ questa la città che ci piace;  in momenti critici come quello che stiamo vivendo emerge il volto di una Crema  solidale, capace di mettersi in gioco e  assumersi degli impegni per il bene della collettività”.

Tornando agli alpini, il progetto  con cui è stata attivata la convenzione comunale   e che dura tutto il 2013 si chiama “ I care”. In generale l’associazione  si impegna a svolgere un intervento di tutela e manutenzione delle  aree verdi che vanno a supplire o ad integrare interventi ordinari di pulizia e manutenzione del verde attualmente eseguiti  direttamente dal Comune di Crema o da società appaltatrici.  In particolare si occuperanno di taglio dei manti erbosi, rifilatura delle aiuole e vialetti; raccolta delle foglie e del materiale di ostacolo ai percorsi pedonali; estirpazione di erbe infestanti, sorveglianza e controllo dell’area compreso lo svuotamento dei cestini; pulizia spicciola (cartacce, lattine, plastiche e pattume in generale) dell’area verde; verifica e manutenzione delle panchine, giochi ed arredo urbano.

L’associazione predisporrà un programma di intervento definendo tempi e modalità. L’attività dell’Ana, essendo di volontariato,  non sarà retribuita ma saranno a carico del comune le spese derivanti dall’acquisto delle necessarie attrezzature  e materiale di consumo così come deidispositivi di sicurezza usati per lavorare.  Saranno affidate con un accordo di comodato d’uso per gli interventi concordati.

“Un ringraziamento sincero – conclude Stefania Bonaldi, sindaco di Crema –  va all’Associazione Nazionale Alpini per la generosità dimostrata. Mi auguro che questo tipo di cittadinanza attiva diventi contagioso e che si moltiplichino queste formule  di adozione  di spazi pubblici”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti