Sport
Commenta

Brutta sconfitta
per la Reima con la
Pallavolo Genova

Serie B1. La Reima è superata dalla Pallavolo Genova, la situazione in coda non muta

Dopo i successi contro Asti e Sant’Antioco, la Reima inciampa malamente nella sfida interna contro Genova per 0-3 in settantacinque minuti di gara, compiendo nel gioco un passo indietro. Per la gestione targata Marco Gazzotti questa è la prima sconfitta interna ma di fatto per quanto riguarda la zona retrocessione non cambia molto, i blues accusano una lunghezza di ritardo dal quint’ultimo posto, occupato da Sant’Antioco, sconfitto dalla capolista Cantù.

I risultati favorevoli del sabato sera delle dirette avversarie, eccezion fatta per Asti che si è imposta a Brugherio, ha caricato di eccessiva tensione i padroni di casa che non sono mai riusciti ad entrare in partita. Tuttavia le prime battute hanno fatto ben sperare il fatto numeroso del PalaBertoni con la Reima che si è portata sul 10-9. Genova, dal canto suo ancora in corsa per i playoff, infila un break di zero a quattro (10-13). Crema accorcia ma negli scambi successivi gli errori si accumulano in continuazione. Bigarelli pronta a muovere il tabellone elettronico (15-20) ma sono i liguri a tenere in pugno il parziale, sino a chiudere sul 19-25.

Il secondo set viaggia sulla falsa riga del precedente, i padroni con Bonizzoni per Silva, che provano a correre(11-7, griffato da Bigarelli) ma ad un certo punto scivolano sulla buccia di banana delle proprie paure. Avanti al secondo tempo obbligatorio sul 16-14, il motore si ingrippa: Egeste firma il 17-17 e poi sono gli ospiti a prendere il largo sul 19-22, poco prima di portarsi sul due a zero. La Reima accusa il colpo, Corti griffa il 4-2 poi è solo Genova che capitalizzando al meglio gli errori blues chiudono i conti sul 15-25. Non c’è tempo per guardare indietro e recriminare su una prestazione da dimenticare, da domani il gruppo tornerà a lavorare per preparare al meglio l’appuntamento sulle langhe cuneesi contro l’ostico Mondovì, sesto in classifica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti