3 Commenti

Scuole senza risorse
ci pensano i genitori
Imbianchini a Santa Maria
A Castelnuovo aiuti per l’aula all’aperto

Nelle foto, di repertorio, la scuola di Santa Maria e i genitori di Castelnuovo al lavoro

Genitori, famiglie, insegnanti, associazioni: tutti in campo per migliorare la scuola frequentata dai propri figli. Due gli esempi negli ultimi giorni nella scuole cremasche.

L’AULA ALL’APERTO ALLA SCUOLA DI CASTELNUOVO

Il primo a Castelnuovo, dove i genitori, dopo aver ridipinto le aule durante le vacanze di Natale, ora hanno contribuito a realizzare l’aula all’aperto. L’aula, nata dalla richiesta continua degli alunni agli insegnati di uscire appena arriva il primo raggio di sole, è stata resa possibile grazie al concorso messo in campo durante la Festa dell’albero dello scorso anno. il concorso “Pensare in verde”, chiedeva ai partecipanti di progettare uno spazio-giardino del proprio istituto per renderlo accogliente. Il progetto presentato dalla classe quarta che prevede un’aiuola con cespugli autoctoni, delle panche all’ombra dei grandi abeti e un’aula all’aperto, ora è diventato realtà. E questo grazie al concorso e ai contributi di Scs, dell’Associazione Amici scuole di Castelnuovo, dalla partecipazione delle famiglie a Rifiutando e all’Ecofesta e di una famiglia che ha contribuito alla realizzazione del tetto. La famiglia ha infatti adottato il progetto per ricordare zia Agnese, maestra cremasca, che a 22 anni si trasferì in Istria, dove insegnò facendosi apprezzare per le sue doti di umanità verso i piccoli scolari. Visse la sua lunga vita al servizio degli altri, impegnata nel sociale e nella politica, dimostrandosi sensibile ai temi della parità e della partecipazione della donna. Avrebbe compiuto 100 anni proprio quest’anno. L’aula sarà inaugurata sabato. “Grazie a sensibili privati che hanno sponsorizzato l’iniziativa, un altro progetto si è realizzato e oggi viene presentato a quanti amano la nostra scuola: il libro “Scuola elementare di Castelnuovo: 50 anni di storia e storie” che raccoglie il materiale della mostra allestita a fine ottobre, concludono i membri dell’Associazione Amici scuole di Castelnuovo.

LE AULE DA TINTEGGIARE A SANTA MARIA

Altra scuola e altri genitori in campo: quelli dell’associazione genitori scuola primaria “Dalla Chiesa”. I genitori in questo caso hanno chiesto alla dirigente scolastica il permesso di poter accedere alla scuola nel week-end per tinteggiare i locali. Ottenuto il nulla osta i genitori hanno preso contatto con il comune per concordare i colori e avere la fornitura dei materiali necessari. I genitori saranno al lavoro a partire da domani, venerdì 5 aprile dalle 19 alle 23, sabato e domenica dalle 7,30 alle 18.

Soddisfatta il sindaco Stefania Bonaldi: “Un esempio di come,  di fronte alle difficoltà, i nostri cittadini sappiano rimboccarsi le maniche  e offrire il  loro contribuito  gratuito e generoso per migliorare  la città. Sappiamo dei continui tagli  e delle poche risorse destinate dal governo al  mondo della scuola  e della ricerca. Del decoro di una scuola si  dovrebbero occupare le istituzioni. Tuttavia non possiamo che rimarcare la lodevole iniziativa intrapresa da questi genitori che, in attesa delle risorse pubbliche necessarie alle  strutture che ospitano gli studenti, non si sono lamentati ma si sono chiesti quale contributo potessero dare.  Sono sicura che i bambini della Scuola di Santa Maria, così come è accaduto con quelli della Scuola  di  Castelnuovo, i cui genitori  hanno dato il buon esempio, faranno tesoro di questo gesto di generosità “.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Veronica

    Quando mancano le risorse si accusa cl di rubare soldi alla scuola pubblica, la realtà non è questa. È vero invece che fino ad ora si è sperperato. C’è chi sta raccogliendo firme per l’abolizione dei buoni scuola( una delle poche iniziative valide della regione Lombardia). Peccato che questi buoni denominati dote scuola, sono un aiuto anche per chi frequenta le scuole pubbliche e non sono prerogativa di chi frequenta una scuola privata…..il bel paese un paese di pecoroni!!!!!

  • anna

    ci pensano i genitori perchè i soldi sono stati dati alla scuola di CL…

  • …ci pensano i genitori ad affamare gli artigiani pittori. Scherzi (ma non troppo) a parte, iniziativa lodevole. Il Comune dovrebbe ricambiare i cittadini che collaborano fornendo loro buoni per il parcheggio dell’auto, spettacoli teatrali, sconti sulla tassa dei rifiuti, buoni mensa ecc ecc.