Commenta

Cade a pezzi
il ponte sull’Adda
tra cremasco e lodigiano

Nella foto, di repertorio, jersey a bordo strada

Il ponte dell’Adda cade a pezzi. Si tratta del ponte che collega la zona cremasca di Casaletto Ceredano a Cavenago d’Adda. La denuncia parte da Il Cittadino, che con tanto di fotografie ha testimoniato come su tutta la fiancata le lastre siano in frantumi, tanto che per proteggere gli automobilisti sono stati posizionati dei jersey. Una situazione che è diventata pericolosa anche per i ciclisti tanto che le due Province, quella di Cremona e quella di Lodi avrebbero deciso di occuparsi insieme del restyling.

«Noi ci siamo già occupati della segnaletica di sicurezza – ha dichiarato l’assessore all’urbanistica e ai trasporti di San Cristoforo, Nancy Capezzera a Il Cittadino -, richiesta proprio dalla Provincia di Cremona, alla quale abbiamo riferito ciò che i capi cantonieri avevano già avuto modo di riscontrare. Le piastre del ponte stanno saltando via e sono usurate, perdono i pezzi. Per questo motivo oltre ai cartelli sono stati sistemati dei jersey. Ci siamo già attivati per ripristinare la situazione, lo faremo insieme». L’intenzione sarebbe quella di inserire anche una pista ciclabile in grado di collegare Lodi a Cremona, in questo casi si potrebbe accedere a un bando per finanziare l’opera.

Il costo stimato per la sistemazione è di 100mila euro che le due Province devono recuperare nei rispettivi bilanci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti