Cultura
Commenta

A 11 anni è un
mago del pianoforte,
premiato Gabriele Duranti

Un riconoscimento importante per Gabriele Duranti allievo del Civico Istituto Musicale “L. Folcioni”, che a soli 11 anni vince il primo premio al Concorso Strumentisti Nazionale Città di Giussano 2013. Allievo del professor Enrico Tansini, studia pianoforte da quando aveva sei anni e da alcuni anni presso l’istituto musicale cittadino gestito dalla Fondazione San Domenico.

“Sono molto contento per il riconoscimento ricevuto dall’allievo, un plauso a lui e al nostro  professor Enrico Tansini che lo ha seguito negli studi e nella preparazione – commenta Giovanni Marotta Presidente della Fondazione San Domenico – dopo aver ospitato in questi giorni un eccellente pianista come Raphael Gualazzi auguro al nostro giovane concertista una carriera e un successo di pari livello”.

“Questo importante premio attesta il livello di preparazione degli allievi del Civico Istituto Musicale Folcioni, complimenti ad allievo e insegnante per il lavoro svolto” Vice Presidente Franco Gallo.

“Mi associo ai complimenti espressi dal nostro presidente e del vice al maestro Tansini e al giovane Gabriele Duranti che va, di fatto, ad aggiungere un importante riconoscimento nazionale al già ricco carnet ottenuto negli ultimi anni da molti allievi del nostro istituto” Alessandro Lupo Pasini Direttore del Civico Istituto Musicale “L. Folcioni.

Il Concorso Strumentistico Nazionale “Città di Giussano”, giunto alla sua 18° Edizione, ha come intento quello di offrire un’occasione di incontro, di confronto e di crescita personale oltre che artistica a tutti i ragazzi che trovano nella musica il proprio mezzo espressivo e di comunicazione.

Il concorso “Città di Giussano” nel corso degli anni è cresciuto di importanza nel panorama musicale italiano ritagliandosi un posto di rilievo nell’ambito dei concorsi musicali riservati ai ragazzi. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con la Società Umanitaria di Milano e la Rivista Musicale Amadeus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti