Cronaca
Commenta3

Novanta dipendenti Scs
contro il consigliere
Beretta: “Accuse gratuite”

Novanta dipendenti di Scs Gestioni contro il consigliere del Pdl, Simone Beretta, reo di aver criticato il lavoro della società. In particolar modo di aver affermato che i dipendenti di Scs sono troppi.

La questione inizia quando in merito ad una interrogazione relativa alla New.Co la nuova società dei rifiuti che il centrodestra avrebbe voluto realizzare e che l’amministrazione Bonaldi, ha di fatto, accantonato, aveva puntato il dito contro Scs Gestioni, il suo presidente Bruno Garatti, “bravo a sbandierare utili eccessivi” e contro il numero eccessivo di dipendenti: “Scs – aveva detto – è sovradimensionata, di dipendenti, che paghiamo noi, ne basterebbero la metà. E soprattutto ha tariffe elevate: con la New.Co avremmo avuto tariffe del 20% inferiori, e ora ci aspettiamo che sia così”.

Ora arriva la replica dei dipendenti che si sono sentiti chiamati in causa e che non ci stanno e rispediscono al mittente alle accuse: “Ci piacerebbe sapere – scrivono – in virtù di quali valutazioni tecniche il consigliere basa le sue affermazioni, ci chiediamo quali conoscenze abbia della nostra organizzazione, della qualità e della quantità dei servizi che eroghiamo. A nostro parere è grave che in sedi ufficiali vengano lanciate gratuitamente accuse che colpiscono di fatto soprattutto i lavoratori che quotidianamente danno il loro contributo al raggiungimento di incontestabili risultati sia ambientali che economici”, scrivono i dipendenti che restano a disposizione per un confronto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti