Cronaca
Commenta1

Cittadini vedono ladri
e chiamano il 112
Due malviventi denunciati

Furti sventati e ladri identificati grazie alle segnalazioni dei cittadini. Il primo episodio riguarda il furto di un palo. Un uomo è stato visto introdursi in un capannone in disuso appartenente ad una imprenditrice di Fiumicino, nella zona industriale di Pianengo. Dopo aver parcheggiato il suo Fiat Ducato, l’uomo ha sradicato un palo di acciaio della recinzione e l’ha portato con sé. Un cittadino che ha assistito alla scena ha avvisato il carabinieri. Sul posto i militari della stazione di Bagnolo Cremasco che hanno identificato il responsabile: M.C., 45enne di Casale Cremasco. I carabinieri si sono presentati a casa sua e hanno trovato il palo che è stato sequestrato. Il 45enne è stato denunciato.

Stessa sorte per un 29enne di Crema, denunciato perché si era introdotto nell’area dell’ex scuola Eni di Credera Rubbiano. Anche in questo caso i carabinieri sono intervenuti. L’uomo si è introdotto nell’area insieme ad un complice non identificato. I due, però, non sono riusciti a rubare nulla poiché la pattuglia avvisata dai cittadini è arrivata prima che potessero commettere furti. l dirigente della “S.y.n.d.i.a.l. s.p.a”, una controllata Eni di  San Donato Milanese, ha sporto denuncia, visto che non si tratta del primo furto.

I carabinieri lanciano un appello ai cittadini perché segnalino tempestivamente episodi del genere. “Il controllo sociale non può che fare affidamento sulla solidarietà e partecipazione dei cittadini”, spiegano. “È sbagliato intervenire in prima persona. E’ necessario il coinvolgimento delle forze dell’ordine”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti