Sport
Commenta

La Reima respinge
i Diavoli rosa,
vittoria numero quattro

Nell’importante scontro salvezza la Reima respinge l’assalto dei Diavoli Rosa Brugherio e li rimanda nell’inferno del penultimo posto della classifica. I blues proseguono nel loro momento positivo, vincendo la quarta gara nelle ultime sei gare, e raggiungono la quart’ultima piazza, scavalcando proprio Brugherio ed Iglesias, tornando a sperare nella permanenza in B1. Davanti ad oltre quattrocento persone presenti, il PalaBertoni si trasformato in un girone dantesco, e grazie al sostengo dei Wild Kaos, la squadra di Marco Gazzotti conquista l’intera posta. La Reima parte forte e tenta un primo allungo con Silva (6-4) ma Brugherio rientra velocemente in partita, portandosi in vantaggio al primo tempo tecnico, 7-8. E’ solo flebile una fiammata Bigarelli e Corti, autentico mattatore, fanno pendere l’ago della bilancia a favore dei cremaschi ed al secondo tempo tecnico la squadra di casa è in vantaggio 16-11. I Diavoli Rosa commettono qualche errore di troppo e così la Reima ne approfitta, archiviando la prima frazione di gara sul 25-19. Decisivo il potente attacco di Bigarelli. Sospinti dall’entusiasmo del pubblico i ragazzi di Gazzotti iniziano il secondo set con la marcia giusta, registrando il punto del 9-8 con Corti; tuttavia Brugherio, trascinato da Morato e Priore, cambia decisamente passo e capovolge il punteggio. Due attacchi di Silva accorciano le distanze (13-15), ma la squadra ospite tiene in mano le redini del gioco, dal canto suo la Reima non è impeccabile in ricezione (15-20). Il timoniere cremasco gioca il jolly Bonizzoni per Bigarelli, apparso in difficoltà. La carta si è rivelata vincente, irrobustita la ricezione e con un muro più puntuale, e di fatti i padroni di casa, nonostante un colpo di coda dei milanesi sul 20-22, rientrano in corsa, impattando sul 22-22 con Faccioli. Lo stesso centrale, originario di Codogno, griffa il primo set point, trasformato poi da Silva. Brugherio accusa il colpo ed il terzo set è in discesa. I colpi di cannone di Silva e Corti, ben giostrati da Mazzonelli, supportato da due ottime difese di Bonizzoni, portano Crema sul 17-11; i Diavoli provano ad accendere l’ultimo fuoco della rimonta (20-16) ma il tentativo si è rivelato inutile. Egeste e Corti, autore di una prestazione eccezionale, condita da forza ed intelligenza tattica, chiudono set ed incontro sul 25-18. Boccata d’ossigeno per la Reima, salita al quarto posto in classifica, tuttavia la linea verde della salvezza è a cinque lunghezze di distanza. Sabato prossimo contro il Powervolley Milano, terzo ed in piena lotta per un posto post season, servirà una nuova impresa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti