Commenta

Problemi di accesso
al seggio di Izano,
il sindaco: “Non è vero”

Nella foto di repertorio, un servoscala

Problemi al servoscala della scuola di Izano? Il sindaco Luca Giambelli rispedisce le accuse al mittente. Il primo cittadino appreso dell’esposto presentato dalla figlia di un anziano cittadino che per entrare ai seggi ha dovuto essere sollevato, non ci sta e dice la sua verità. “Visti problemi riscontrati nelle tornate elettorali precedenti, mi sono preoccupato personalmente e mi sono attivato per verificare il funzionamento del servo scala in questione, il quale è stato revisionato da tecnico incaricato. Risulta disponibile agli atti l’esito di tale verifica, che ha dato esito positivo. Su indicazione della signora, qualche ora prima che lei si recasse con il padre al seggio elettorale, l’agente di polizia locale ha provato il servoscala e questo funzionava perfettamente. Gli uffici avevano dato disposizioni alle forze dell’ordine presidianti il seggio che se ci fossero stati dei problemi a far funzionare il servo scala, era sufficiente che li contattassero e l’agente di polizia locale si sarebbe recato personalmente in aiuto. Sottolineo che su mia precisa indicazione, gli uffici comunali erano allertati e a disposizione di chiunque ne avesse avuto la necessità. Mi è stato riferito che invece, le forze dell’ordine hanno preferito aiutare personalmente l’elettore, senza mettere in funzione il servo scala e non come invece riferito dalla signora, che nessuno era in grado di farlo funzionare”, spiega il sindaco il quale si dice pronta a chiarire la sua posizione di fronte al prefetto di Cremona, Tancredi Bruno di Clarafond.  “Sono anche disponibile – conclude il primo cittadino – ad un chiarimento con la signora, che peraltro mi sembra non perda occasione per attaccare politicamente l’amministrazione che rappresento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti