Ultim'ora
Commenta

Lavoro, nel Cremasco dati preoccupanti
Comune e Provincia
insieme contro la crisi

Una vera task-force contro la crisi che ha colpito il nostro territorio. E’ il senso del protocollo d’intesa approvato il 18 febbraio dalla giunta che vede  in prima linea e per la prima volta insieme Provincia di Cremona e Comune di Crema per favorire tutte quelle iniziative che creino occupazione.

I dati riguardanti la disoccupazione e l’utilizzo degli ammortizzatori sociali nel Cremasco sono infatti allarmanti. Si concentrano infatti, nel territorio, il 38,9% del totale degli iscritti nelle liste dei lavoratori in stato di disoccupazione; il 38% dei lavoratori in cassa in deroga, il 34,1% dei lavoratori in mobilità e il 36,6% delle persone disabili iscritte nelle liste della legge n. 68/99 (con un aumento pari a 120 unità rispetto all’anno precedente); Di qui la necessità dell’impegno di tutti i soggetti che in qualche modo possono incidere positivamente sula crisi occupazionale.

“Il servizio sociale comunale e distrettuale – afferma il sindaco Stefania Bonaldi –    è il crocevia attraverso il quale passano moltissimi di  coloro che perdono o cercano lavoro. Per questo, senza evidentemente sostituirci al centro per l’impiego, ma in collaborazione con lo stesso,  occorre fornire ai nostri operatori tutti gli strumenti e le competenze per un primo orientamento nei confronti delle persone con  questo tipo di problematica. Informazione, orientamento, tirocini, mobilità, opportunità di assunzione, apprendistato, eventuali bonus o voucher per situazioni particolari.  Siamo consapevoli della necessità di unire le forze in questo campo affinchè le azioni siano più incisive. La competenza sul tema del lavoro spetta alla Provincia di Cremona ma come Comune di Crema abbiamo voluto sostenerla assumendoci  dei precisi impegni”.

Diversi gli ambiti nei quali la provincia di Cremona e il Comune di Crema sottolineano la necessità di assumersi  precisi impegni. Le imprese infatti spesso non conoscono i servizi a loro supporto su territorio. E’ quindi necessario un intervento capillare di contatti  che rilevino le esigenze aziendali ma che diano anche informazioni su incentivi  previsti, locali e non, per l’assunzione di lavoratori. Lo stesso vale per i lavoratori disabili, così come per i servizi sociali del comune di Crema e dell’ambito distrettuale che devono integrare le loro conoscenze.

In pratica facilitare la domanda (di cui spesso sono a conoscenza i servizi sociali) con l’offerta, materia specifica di chi si occupa di lavoro.

Il protocollo d’intesa mira anche a contrastare la dispersione scolastica, favorendo anche il collegamento tra il sistema scolastico e il mercato del lavoro

“Come  Comune di  Crema   – conclude il sindaco Stefania Bonaldi –   abbiamo sottoscritto con convinzione questo protocollo. Abbiamo offerto la nostra piena collaborazione nel diffondere tutte le informazioni  necessarie ma abbiamo anche garantito la  partecipazione dei nostri operatori interessati dagli obiettivi di questa intesa. In particolare l’aver connesso il mondo dei servizi sociali, dove si accolgono le necessità più urgenti delle famiglie, a quelle del mondo del lavoro, con le offerte di  disponibilità, permettere di incidere davvero con azioni sinergiche e costruttive. Le azioni, pur ottimali, dei singoli enti non sono più sufficienti per contrastare questa crisi senza precedenti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti