Commenta

I cremaschi
del Videoton tornano
in vetta alla classifica

I rossoblu di Valente non vincono in casa, e questa di per se potrebbe essere  una notizia dal momento che ciò non accadeva in campionato da quasi un anno e mezzo, ma la novità ancora più importante è che in tre giorni i cremaschi si riprendono la vetta della classifica superando il Saints Pagnano sconfitto dall’Aurora Milano nel recupero della quattordicesima giornata e bloccato ieri sera a Laveno.

Il match dell’Alina Donati non è affatto bello. Il Videoton sembra pagare nelle gambe e nella testa l’impegno di 72 ore prima contro il Pavia e subisce l’ottimo momento di forma degli orobici che amministrano l’incontro sin da subito. Le incursioni di Privitera, Assi e Personeni dopo i primi minuti di studio, sono il preludio al vantaggio dei ragazzi di Mister Santini che al 13° su azione da calcio d’angolo liberano il ricciolo Personeni in piena area il quale con un tocco beffardo scavalca Sardi in uscita. La reazione di  Giulivi e compagni è immediata, i cremaschi portano in avanti il baricentro di manovra ma resta costante la fatica ad alzare il ritmo per mettere in apprensione il ventenne portiere bergamasco. Al 20° però Santabarbara è bravo a sfruttare una incertezza della difesa guidata da Ferrari, scavalca in pallonetto il numero 12 Tomor e viene steso dallo stesso appena dentro l’area. Penalty che De Freitas trasforma con una sassata rasoterra mandando le squadre al riposo con un pareggio sicuramente prezioso per i cremaschi.

Il secondo tempo vede i cremaschi più pimpanti e determinati a far valere la legge dell’Alina Donati, la quale recita che a Crema nessuno strappa punti e dopo aver alzato il ritmo del palleggio grazie anche agli inserimenti dell’esperto Martucci e Lopez il Videoton passa grazie ad un’azione caparbia di Serina che pesca sul palo lontano l’accorrente Notarbartolo per il sorpasso.

Tutto sembra essere tornato in carreggiata ma nel tempo di un minuto l’ostico Bergamo si rifà nuovamente sotto, ancora con Personeni, astuto nello sfruttare una incertezza di Sardi, il quale si vede soffiare il pallone dalla boa avversaria, forse con una eccessiva pressione tuttavia non ravvisata dalla coppia arbitrale e che riporta il conto in pareggio.

Il Videoton non ci sta e nell’ultimo quarto di gara butta la testa nel cupolino e da gas ma Tomor in almeno due occasioni è provvidenziale e quando non arrivano le mani del giovane portiere ci arrivano quelle di Personeni, protagonista assoluto della sfida il quale respinge con le mani sulla linea di porta un tiro dei cremaschi destinato in fondo al sacco. Espulsione dell’orobico tra le proteste degli ospiti, temporanea superiorità numerica per i padroni di casa e ancora rigore. Di nuovo De Freitas davanti a Tomor ma questa volta il brasiliano stampa la traversa. Il finale è tutto di marca rossoblu, Serina nel tentativo di chiudere in scivolata una bella azione si porta il pallone in fondo alla rete con il busto ma anche con un braccio e gli arbitri annullano. L’ultima occasione infine capita sui piedi del diciottenne Rizzetti che liberato ottimamente da Notarbartolo manca di un soffio il bersaglio grosso da buona posizione, solo, davanti a Tomor.Il triplice fischio sancisce la fine di una striscia di vittorie consecutive in campionato tra le mura di casa che durava da un anno e mezzo per i cremaschi, ruolino difficilmente ripetibile, stop frutto di una prestazione non entusiasmante che nonostante tutto ha fruttato però l’ultimo punto necessario a garantirsi la permanenza nella massima categoria regionale anche per la prossima stagione. Adesso lo sguardo si sposta ai prossimi tre mesi, nei quali i ragazzi di Severgnini proveranno a pieno diritto e restare là, dove osano davvero poche matricole nello sport.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti