Politica
Commenta2

Quarto posto alla Camera, Jotta
con l’aiuto di Mariastella Gelmini
vuole soffiarlo a Rossoni. Chi ce la farà?

Sono partite da Milano, vistate dal coordinatore regionale Mantovani, le carte con tutte le ipotesi per riempire le liste del Pdl sia per la Camera che per il Senato. Le caselle sono state tutte riempite. I nomi sono quelli dei big nazionali per il Senato (quindi out agli esponenti locali del Pdl) mentre, come riferivamo questa mattina, il quarto posto alla Camera collegio Lombardia 3 – unico posto utile per arrivare a Roma – è stato riservato a Gianni Rossoni. Al primo posto un big, al secondo il coordinatore mantovano Ghirardini, al terzo un pavese e al quarto figura l’ex assessore regionale che concluderebbe così a Roma la sua carriera politica. Così, con questi nomi, l’elenco è partito da Milano. In queste ore, nella sede di via dell’Umiltà a Roma, tocca al coordinamento nazionale leggerlo, eventualmente correggerlo e approvarlo. In serata sul posto riservato ad un cremonese, come richiesto anche dal coordinamento provinciale del Pdl, è nato un giallo. Pare infatti che Mariastella Gelmini, ex ministro della Pubblica Istruzione ma potentissima in Lombardia e a Roma, stia brigando per togliere dall’elenco Gianni Rossoni e sostituirlo con Mino Jotta, ex coordinatore provinciale del partito e presidente dell’Aler provinciale. Jotta è vicinissimo all’ex ministro che mira a costituire una propria corrente dentro al partito. Mariastella Gelmini vorrebbe portare Jotta a Roma a spese di Gianni Rossoni, tra l’altro compagno di corrente nel Pdl cremonese. Da rumors provenienti dal Pdl milanese, pare che il politico di Offanengo in serata sia venuto a conoscenza della manovra e, irritato, abbia subito messo in campo le contromosse facendo pressioni sul nazionale. In queste ore sarebbe in corso il braccio di ferro e solo venerdì, con la pubblicazione delle liste, sapremo chi l’ha spuntata, Gianni Rossoni o Mino Jotta?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti