Ultim'ora
Commenta

Nuovo ingresso per la
scuola dei Sabbioni
Piedibus in via Braguti

Nuovo accesso in sicurezza per la scuola dei Sabbioni. Con grande soddisfazione, stamattina, alla riapertura delle scuole dopo le vacanze natalizie, i genitori hanno accolto la novità: lo spostamento dell’ingresso della scuola. “Finalmente, rrano anni che chiedevamo di mettere  in sicurezza l’ingresso di questa   scuola!” dice una mamma. Un’altra: “Adesso non saremmo più costrette ad attendere l’apertura della scuola  in mezzo alla strada”. Mettendo in sicurezza il giardino di accesso del vecchio asilo, i bambini, grazie anche alle bidelle che apriranno la scuola 15 minuti prima dell’orario di inizio delle lezioni, potranno entrare in uno spazio dell’edificio.

“Quello dell’ingresso e dell’uscita pericolosa dei bambini della scuola di via Cappuccini – afferma l’assessore alla Viabilità e Mobilità Giorgio Schiavini – era una delle richieste più urgenti degli abitanti dei Sabbioni, incontrati durante “il tour” della giunta nei quartieri di Crema. Insieme ad alcuni problemi viabilistici della zona. Bene, a distanza di pochi mesi possiamo affermare, con soddisfazione, che abbiamo  realizzato una minirotatoria, rendendo più sicuro l’incrocio tra via Camporelle, via Cappuccini e via Toffetti. Con questo secondo intervento che rende più sicuro l’ingresso alla scuola  abbiamo affrontato un altro   dei nodi critici della zona. Sono tuttavia interventi sperimentali. Ci riserviamo di incontrare nuovamente i residenti, nei prossimi mesi, per capire se gli interventi effettuati hanno migliorato la viabilità e la sicurezza dei Sabbioni”.

Presente, all’inaugurazione del nuovo ingresso, il dirigente del Secondo Circolo Pietro Bacecchi che ha salutato con soddisfazione l’intervento effettuato dal Comune. “Mettendo in sicurezza il giardino, il comune, proprietario dell’area, ha esonerato la  scuola da ogni responsabilità.  E’ da molti anni che, come dirigente della scuola, insieme ai genitori, abbiamo segnalato il problema. Una risposta, anche se solo in via   sperimentale, è arrivata. Adesso, insieme all’amministrazione comunale e ai genitori che si sono offerti volontari, stiamo per far partire il progetto Pedibus alla scuola di Braguti. Abbiamo già incontrato tutti i soggetti coinvolti e ci sono le disponibilità. Speriamo entro febbraio”, dice il dirigente. Un altro passo avanti verso la sostenibilità ambientale oltre che un modello educativo esportabile. Un esempio di come la collaborazione proficua di Enti locali, Scuola, associazioni di volontari, vada a beneficio della collettività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti