Commenta

Boom di pubblico
per la messa a ritmo di tango
Oltre 400 persone

Già sulle note del primo bis (a furor di popolo ne sono stati richiesti altri due), il frizzante “Gloria” della Misa Criolla di Ariel Ramirez, le oltre 400 persone che gremivano la chiesa di San Bernardino auditorium Manenti (i posti a sedere non sono bastati) hanno iniziato a battere le mani a tempo di musica.

E il direttore del coro Costanzo Porta di Cremona, Antonio Greco, a stento è riuscito a “tacitare” la platea in visibilio nei momenti in cui questo gesto proprio non ci voleva. D’altro canto, l’atmosfera della serata a cui la compagine cremonese ha dato vita insieme all’ensemble “Del Barrio” e al “Trio vocal argentino” si è animata fin dal primo brano con tinte spumeggianti. Non solo dunque un’esecuzione musicale di altissimo valore artistico (unica segnalata, domenica, dalle pagine lombarde del Corriere della Sera, dopo che per ben due volte era stata annunciata da “Avvenire”), ma anche un repertorio davvero raro e particolare che ha saputo conquistare un pubblico eterogeneo per età e gusti musicali.

“La festa dell’Epifania, tra i vari significati che porta con sé, richiama anche il tema dell’integrazione tra popoli e culture diversi. Ecco allora perché quest’anno abbiamo scelto di proporre nella sera di questa festa un concerto di musica natalizia argentina”. Così Marcello Palmieri, responsabile settore musica del Centro culturale diocesano “Gabriele Lucchi”, a inizio serata. E subito Berlino Tazza, presidente Asvicom Cremona, principale sostenitore dell’evento: “Stasera concludiamo Crema città del Natale, il progetto che quest’anno ha esordito per sostenere il commercio e promuovere la cultura nel segno di queste festività”.

Ed ecco il programma della serata. Prima parte con la “Misa Criolla”, scandita dai momenti canonici Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus, agnus Dei interpretati su ritmi ispano americani. Seconda parte con “Navidad nuestra”, un’antologia di quadri imperniati sul racconto della Natività. E nel cuore del concerto, alcuni brani del Trio vocal e dell’ensemble Del Barrio. Conclusione come sempre avviene a questo concerto: coro e pubblico hanno intonato l’Adeste fideles mentre 3 Re Magi in versione “Pantelù” hanno offerto a Gesù bambino oro, incenso e mirra.

Purtroppo per un problema tecnico, indipendente da CremaOggi.it, ma legata a problemi di connessione dell’Auditorium, la diretta streaming del concerto è stata interrotta prima della fine del concerto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti