10 Commenti

Un bilancio <br/>dei primi mesi <br/>della giunta Bonaldi

Lettera scritta da Antonio Agazzi

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nessun livore. Mi disturbava l’ottusa e acritica volonta” di un gruppetto di militanti di partito non dichiaratisi come tali di impedirmi di dire cose vere ma non gradite al PD …. Un Consigliere Comunale e’ tale per tutta la citta’, non solo per il quartiere in cui risiede. Ma Lei crede che i Consiglieri di Minoranza, quando la Giunta Bruttomesso ando” nei quartieri a illustrare p.es il P.G.T., non fossero presenti e non intervenissero? L’opposizione si fa nelle Istituzioni, sui media ma anche tra la gente.

  • max

    Agazzi, lei è un bravo ragazzo, lo penso davvero, ma mi creda, c’è qualcosa di irrisolto. L’ho sentita l’altra sera ad Ombriano. Al di là di quanto ha detto, condivisibile o meno, è il modo: è il carico di livore e di aggressività che colpisce e che mi pare patologico. Dopodichè, andare a fare “opposizione democratica”, come la chiama lei, in un incontro fra la giunta e il quartiere, nemmeno nel proprio quartiere, quello mi pare anche un pò fuori luogo: c’erano comunque già anche i signori Arpini e Patrini, che abitano lì.

  • Gentile Filippo, grazie per i toni misurati. Io parlo per me. Lei ritiene che io assuma una posizione critica per calcolo elettorale, non essendo per altro candidato a nulla. Sa, invece, chi su questi temi, tacendo in campagna elettorale, ha fatto del calcolo? Stefania Bonaldi, con il centro-sinistra. A liste note, con la candidatura della moglie del responsabile della comunita’ islmamica nel PD, immagina che can can avrei potuto sollevare? Crede che il mio staff non me l’abbia chiesto? Mi sono opposto, non ho lucrato; l”avessi fatto forse sarei andato al ballottaggio. Il centro-sinistra ha volantinato davanti alle Chiese – noi no, io non ho voluto disturbare i fedeli, forse sbagliando – : crede abbiano accennato del Centro Culturale Arabo, magari in nome del dialogo interreligioso? Ovviamente no. Chi ha fatto calcolo elettorale? E veniamo al mio essere anti democratico: e’ democratico chi non avendo parlato ai cremaschi di un tema in campagna elettorale lo impone dopo il voto, senza un confronto con i cittadini? Poi, guardi, chi ha vinto le Elezioni e’ Maggioranza, ha i numeri per governare, si assuma le Sue responsabilita’.

  • Tutte le volte che da oppositore – questo e’ il ruolo che mi hanno assegnato gli elettori – infastidisco i simpatizzanti del centro-sinistra…elencando, per altro, solo cose vere…mi si risponde che devo elaborare il lutto. Me lo direte, solo su questo blog, anche fra 5 anni? Ma non e’ che desiderate l’assenza di un’ opposizione democratica? Siamo al non disturbare il manovratore?

    • Filippo

      Penso che lei abbia ragione quando dice che una parte degli elettori di centrosinistra che la criticano lo fanno con il retropensiero di volerla più docile e silenzioso e quindi di volere un’opposizione che non disturbi chi gestisce il potere. A me, che ho votato per questa amministrazione, invece sta bene che ci sia una minoranza attenta che controlla, che oppone una diversa visione delle cose, che incalza la giunta e non fà sconti. A mio parere però il punto essenziale è, come scrive lei, avere “un’opposizione democratica”. E purtroppo nelle posizioni prese da molti esponenti della minoranza, tra cui lei, sulla vicenda della concessione di un luogo di culto alla comunità islamica ci sono stati argomenti e toni pregiudiziali e discriminatori, in poche parole antidemocratici. Ma se non è possibile capirsi su questi punti con la Lega e pure con qualche suo collega di partito (Beretta: “Alloni la moschea se la faccia a Pianengo”) mi era sembrato fosse possibile farlo con lei, che aveva dimostrato sensibilità (al di là di destra e sinistra) verso i femomeni di avversione nei confronti degli stranieri. Io, che non la conosco di persona, temo però che la sua posizione sia dovuta a un calcolo per acquistare e mantenere consenso sapendo di un diffuso timore e diffidenza verso l’Islam. Ma lei, come me e chiunque altro, può scegliere se assencondare queste paure e insistere sulle divisioni e le incomprensioni, la storia passata, i massacri dei fanatici e la superiorità della propria religione. Oppure lavorare per trovare una sistemazione dignitosa per questa piccola comunità religiosa vedendola come un’occasione per un percorso di dialogo, di integrazione delle persone straniere, di ricerca di un modello per la convivenza. Farli venire alla luce del sole vuol dire anche sottoporli apertamente, come qualunque altra realtà associativa, alle regole comuni e allo sguardo critico

  • max

    Agazzi, elabori il lutto, dopo cinque mesi è il caso, lo dico per lei!

  • Sbaglia. Continuo a essere attivo sul web. E ho già detto la mia, legga i commenti ad altro articolo, sempre su CremaOggi. Quando ai Suoi giudizi – ingenerosi, secondo me – rispetto alle mie prese di posizione sul tema Centro Culturale Arabo il Suo e’ un punto di vista, tra tanti molto meno negativi che ho raccolto.

  • Filippo

    Il consigliere Agazzi è molto attivo sul web pubblicando articoli e dialogando quotidianamente con persone di diverse idee politiche. Da due settimane dedica molta energia nel manifestare con diversi argomenti la propria NETTA CONTRARIETA’ alla concessione da parte dell’amministrazione di un luogo di culto alla comunità islamica cremasca. Ma nel giorno in cui viene reso pubblico un documento del Vescovo, che riflette il lavoro di un’apposita commissione, che esprime il proprio favore alla realizzazione del centro islamico non scrive nulla al riguardo. Eppure il documento diocesano dice senza ambiguità: “Pertanto, la diocesi di Crema vede con favore che sia riconosciuto ai musulmani, che da anni vivono tra noi pacificamente, il diritto all’esercizio della loro attività di culto. È importante che gli uomini e le donne di buona volontà si adoperino per realizzarne le condizioni concrete.” Non si chiede un commento affrettato dopo le molte uscite demagogiche dei giorni scorsi, forse c’è una necessità di raccoglimento. Certo da chi si è esposto sotenendo apertamente posizioni discriminatorie, dopo altre in senso inverso negli anni passati, ci si aspetta ora il coraggio di parole chiare.

    • Luca

      Chiedilo ai cremaschi il parere. Ma a tutti…