Sport
Commenta

Nuovo ko per la Reima
con la capolista Revivre
la quinta sconfitta consecutiva

Nuovo ko in campionato, il quinto consecutivo, della Reima, che fra le mura amiche del PalaBertoni è stata sconfitta abbastanza nettamente dal Revivre Milano, capolista insieme a Cantù. Uno 0-3 impietoso che relega la formazione blues di Vittorio Verderio all’ultimo della classifica. La prima frazione di gara ha visto i meneghini di Maranesi più precisi e compatti nei fondamentali, attenti a sfruttare ogni minimo errore dei cremaschi. Andrea Binaghi prova a far rientrare la Reima (16-22) ma è troppo tardi, un mani out di Daolio, in giornata di grazia, su Bobo Corti regala il set point, trasformato da Rolfi che con un pallonetto ha eluso il muro a tre avversario. L’apertura del secondo set fa pensare ad una nuova speranza in casa Reima (6-4 con Bonizzoni) che chiude avanti al primo tempo tecnico (8-7). Sono scambi equilibrati e combattuti, Corti griffa il 10 pari ma è solo una luce fioca nell’oscurità. Milano allunga sul 10-13, lo stesso Bonizzoni riprova a rimettere in piedi il parziale (12-13) ma Milano prende il largo. Gli attacchi di Corti e Binaghi non bastano a far rientrare Crema cede per 17-25. L’ultimo set simile ai procedenti: Milano fa sfogare Crema nei primi scambi dopodiché prende in mano la situazione (11-14), approfittando della giornata poco felice del collettivo cremasco, si porta in vantaggio e chiude l’incontro. Corti e Binaghi annullano due match point ma Di Felice realizza il 19-25. L’unica nota positiva di un pomeriggio che non sicuramente non sarà ricordato fra i più felici della storia blues. è stato il rientro, dopo un lungo infortunio dello schiacciatore Giulio Silva. Infatti lo schiacciatore di Parma, fermo dallo scorso maggio, ha rimesso piede in campo, dando man forte in ricezione. Coach Verderio, in attesa del ritorno di Bigarelli, può contare su una freccia in più nella propria faretra per preparare l’incontro di Asti e, soprattutto, per uscire da un periodo estremamente difficile di risultati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti