Economia
Commenta

L’Alternativa, istituzioni
al lavoro per ricollocare
i dipendenti

Cooperativa L’Alternativa, Provincia e Comune al lavoro. La situazione critica della cooperativa che occupa 170 persone, delle quali almeno 60 diversamente abili, è sotto la lente delle istituzioni che stanno studiando una forma di partenariato per attirare fondi privati e risorse rese disponibili dalla Regione Lombardia per queste necessità. I contatti sono in atto da tempo, ma la situazione economica ed occupazionale è però talmente complessa che si rende indispensabile attivare tutte le risorse possibili e disponibili sul territorio, sia pubbliche che private, in modo da convergere verso la migliore soluzione per il personale.

Di questo hanno discusso in un tavolo di governance per le politiche del lavoro l’Assessore provinciale al Lavoro, Paola Orini con il dirigente del Settore Lavoro, Dario Rech, il sindaco del Comune di Crema, Stefania Bonaldi, con l’assessore alle Politiche Sociali Angela Beretta e il direttore area Servizi al cittadino, Angelo Stanghellini, il presidente della Consulta dei Comuni cremaschi, Gian Pietro Denti, i segretari di Cgil,  Cisl e Uil, il presidente, Teresio Ghiozzi ed il vice presidente Luciano Ricci in rappresentanza della cooperativa L’Alternativa, che prossimamente cesserà l’attività.

Ora il lavoro più urgente è quello di mettere in campo tutto l’impegno nell’accompagnare i lavoratori nella difficilissima gestione della loro situazione occupazionale cercando nel frattempo delle soluzioni per ricollocare il personale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti