Ultim'ora
5 Commenti

Stalloni, come trent’anni fa,
i cittadini vogliono partecipare
video aperto al sindaco

Volantini, spettacoli, mostre, manifestazioni, concerti, petizioni. Così trent’anni fa la città aveva chiesto all’amministrazione di restituire ai cittadini lo spazio verde degli Stalloni. Ora, all’era di internet e di YouTube, la città torna a chiedere di essere coinvolta nelle scelte relative all’area, ma lo fa con un video, un video aperto indirizzato al sindaco Stefania Bonaldi e al consiglio comunale. Un video realizzato da Agostino Zetti e da Daniela Dedè. Poco meno di sedici minuti di musica e immagini, di ricordi e racconti in nome della partecipazione che i cittadini chiedono ora come allora a chi li amministrata.

«Sono passati trent’anni da quel lontano 1982 quando si costituì il “Comitato utilizzo area Stalloni”. Il Comitato nasce da una  felici intuizione di Giovanni Bianchessi. Lo slogan era: “La città è un corpo facciamo che il suo cuore sia verde”. Il comitato nasce da una proposta aperta tutti e senza etichetta politica e l’iniziativa coinvolge tutta la città. Gli obiettivi?  Proporre alla città dibattito e iniziative per far diventare area stalloni fruibile per tutti, stendere una proposta concreta di utilizzo dell’area e firmare una petizione da inviare a tutte le forze politiche. Nascono così le manifestazioni: “Parco in piazza”, “Rubare con l’arcobaleno” e “Recitar mangiando”. Cinque giorni in piazza con una partecipazione massiccia». Questo in sintesi quello che successe trent’anni fa.

Ma perchè ricordare tutto questo proprio ora? Si chiede la voce narrante del video. «Perchè la giunta ha deliberato un progetto di utilizzo dell’area Stalloni Non entriamo nei particolari del progetto ma nel metodo in cui questa scelta è maturata. Una scelta così importante come quella per l’utilizzo degli Stalloni può essere presa in fretta e furia senza coinvolgere la città? Credo proprio di no. Trent’anni fa una intera città faceva proposte alla forze politiche, oggi decidono senza un confronto con la città. Pensano che i cittadini non abbiano nulla da dire sugli Stalloni. Trent’anni fa snobbavano il Comitato, ora non è tanto diverso. Facile far partecipare i cittadini in campagna elettorale quando non si decide nulla, e quando si decide su cose così importanti ci si dimentica dei cittadini. Spero che questa giunta e questo consiglio ci ripensino. Trent’anni fa la città aveva partecipato, perchè non dovrebbe farlo anche oggi se coinvolta veramente?».

E chissà se anche oggi il Comitato riuscirà a smuovere i cremaschi, interessati al futuro dell’area Stalloni, per la quale la giunta ha previsto un progetto da circa 12milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti