Commenta

Accordo Trenord-Regione,
Alloni: «Basta con gli annunci,
troppi ritardi e inefficienze»

La Regione Lombardia e Trenord annunciano la stipula di un nuovo contratto, ma intanto i treni continuano a offrire un servizio scadente. Questo il pensiero del consigliere regionale del Pd, Agostino Alloni, che da pendolare vive ogni giorno il disagio di tutti coloro che sono costretti ad utilizzare il treno per raggiungere il luogo di lavoro.

E porta esempi concreti: «Da settimane i treni di ritorno da Milano per Cremona e Mantova sono perennemente in ritardo, in particolare il treno 2661 delle 18.20 e il 2663 delle 19.15. Questa mattina, inoltre, il treno delle 7.26 della linea Treviglio – Cremona è stato soppresso a Casaletto Vaprio costringendo pendolari e studenti a cercare passaggi improvvisati per giungere a Crema in mancanza di un mezzo pubblico alternativo. Sempre stamane il treno in partenza da Lambrate delle 7,16 segnava un ritardo di 30 minuti dovuto ad un guasto tecnico». Questa è la vita di un pendolare che quotidianamente deve dimenarsi tra ritardi ed inefficienze.

«Ieri sono stati annunciati 240 milioni di euro per il rinnovamento del parco treni e l’immissione di nuovi convogli. Mi domando quando si metterà fine a questa politica degli annunci, imbastita con tanti faremo e vedremo, e si passerà veramente ad una politica dei risultati. Gli investimenti annunciati  sono gli stessi annunciati un anno fa, ma nonostante le tante promesse da allora nulla è cambiato: il servizio ferroviario regionale è rimasto sotto i livelli di soglia con indici di puntualità insufficienti. Mi auguro vivamente che, vista l’urgenza, le linee del quadrante Sud Lombardia non vengano snobbate ancora una volta come è troppo spesso accaduto», incalza l’esponente cremasco del Pd.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti