Commenta

Laurea in Infermieristica,
pronti alla battaglia per avere il corso:
si va in Regione

Pronti ad andare in Regione e a far tutte le pressioni possibili per avere la laurea di Infermieristica a Crema. Questo in sintesi quanto emerso dall’incontro che si è tenuto tra il sindaco Stefania Bonaldi, i consiglieri comunali del Pdl, Laura Zanibelli e Renato Ancorotti e il direttore generale dell’Ospedale Maggiore, Luigi Ablondi.

Un incontro arrivato dopo le pressioni del Pdl che aveva chiesto al primo cittadino di lavorare uniti e di tentare tutte le strade possibili, nonostante i tempi siano molto stretti. Ora si partirà con una azione comune nella quale sarà coinvolto anche l’assessore regionale, Gianni Rossoni.

Una lettera sarà inviata alla Regione per chiedere, supportati da dati, che i corso venga attivato come promesso qualche mese fa. Soddisfazione da parte del Pdl per il risultato ottenuto e per aver incontrato l’appoggio del sindaco, che detiene la delega all’Università e al Lavoro.

«Fortunatamente come gruppo consiliare ci siamo mossi, perchè nessun altro aveva fatto questo passo. Riteniamo che questo corso sia importante per Crema e per il suo territorio e per l’Azienda Ospedaliera che ha già investito per far partire la laurea. C’è bisogno di questo corso anche in prospettiva, per i giovani che finita la maturità devono scegliere un percorso di studi e sicuramente Infermieristica è una di quelle lauree che dà garanzia in termini occupazionali. Poi non solo l’ospedale, ma il territorio ha bisogno di infermieri professionali: per le varie Rsa, per l’assistenza a domicilio», sottolinea Laura Zanibelli.

L’idea sarebbe anche quella di legare la facoltà all’Università: «Si potrebbe pensare ad uno sviluppo simultaneo, aprendo magari un corso di Informatica per la medicina».

Ora la prossima azione sarà quella di andare direttamente al Pirellone per portare le istanze del territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti