Cronaca
Commenta1

Picchiano a sangue
due ragazzi di Gallignano,
arrestati due romeni

Due romeni arrestati e un terzo ancora ricercato. Questo l’esito delle indagini iniziate a novembre dai carabinieri di Soncino, dopo che avevano picchiato a sangue di ragazzi di Gallignano. Era lo scorso 13 novembre quando due giovani rientrando dopo una serata, intorno alle 4 avevano sorpreso un ragazzo che stava orinando sulla loro auto. Da lì la discussione e l’arrivo di altri cinque ragazzi che avevano iniziato a pestare i due cremaschi, che ne erano usciti con prognosi di 20 e 30 giorni.

Subito erano scattate le indagini che avevano portato, grazie alla targa dell’auto con cui gli aggressori erano fuggiti, i carabinieri ad individuare subito due dei responsabili: M.C.V 23 anni e la sua convivente M.I.B di 28 anni entrambi di Romano di Lombardia. Il primo finito in carcere, la seconda denunciata. Ora i carabinieri di Soncino hanno individuato altri due complici: B.D.C., 28 anni, residente a Covo (Bg), M.B., 27 anni, residente a Castel Gabbiano. Per entrambi sono scattate le manette e sono finiti agli arresti domiciliari. Un terzo complice è ricercato, mentre un altro ha fatto perdere le tracce, ma probabilmente si tratta di un minorenne

Ad illustrare l’operazione il luogotenente Giovanni Ventaglio e il luogotenente della stazione di Soncino Paolo Rosin, il quale ha descritto gli aggressori come una banda molto pericolosa: «Si tratta di persone che non lavorano e girano con macchine molto grandi».

Individuati e denunciati invece dai carabinieri di Bagnolo Cremasco tre giovani albanesi responsabili di una rissa avvenuta lo scorso 10 giugno alla discoteca Magika di Bagnolo Cremasco. Una rissa, come spiegato dal maresciallo Ugolini.

Denunciata anche una giovane accusata di aver incassato assegni per circa 1000 euro emessi dal suo titolare e non destinati a lei. A denunciarla il titolare ai carabinieri di Montodine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


© Riproduzione riservata
Commenti