Ultim'ora
97 Commenti

“Cercasi pudore disperatamente”
risposta rovente del sindaco Bonaldi
al j’accuse lanciato dal Pdl cremasco

Il Pdl chiede meno parole e più fatti, la risposta infuocata del sindaco non si fa attendere. “Non dev’essere facile per il gruppo consiliare del Pdl darsi conto della pesante sconfitta elettorale – ribatte Stefania Bonaldi – Così come non lo è per i due ex assessori Simone Beretta e Laura Zanibelli, vestire i panni stretti del consigliere di minoranza”.

GIUNTA GIOVANE E INESPERTA

Sulla formazione della Giunta comunale tornano concetti come autonomia e merito, “Scelte prese a bocce ferme e distanti anni luce dalle logiche dei consiglieri Beretta e Zanibelli”, commenta caustica Bonaldi che elogia l’impegno e la passione dei propri assessori, forse  giovani e inesperti, ma in linea con la necessità di rinnovamento espressa dalla città.

CITTADELLA E TAVOLO DI CONFRONTO

Bonaldi passa all’affaire Cittadella, “Un impegno preso con gli elettori e non suscettibile di rinegoziazioni” specifica il sindaco; respinta anche l’accusa di aver ignorato la minoranza in occasione dello scorso tavolo istituito con la commissione Politiche sociali: “Abbiamo presentato agli invitati le scelte contenute nel programma elettorale, già discusse ampiamente in consiglio. I membri della commissione saranno invitati ai prossimi incontri, ma la partecipazione  ed il confronto non sono interni alle dinamiche del consiglio comunale, bensì rivolte alla città e agli attori nel complesso mondo della terza età”.

PROVINCE E TEMPISMO

Anche sul mancato tempismo in merito alla ristrutturazione delle province Bonaldi non accusa il colpo e ricorda che in confronto con il sindaco di Lodi si era tenuto il lunedì precedente all’emanazione della norma da parte del Consiglio dei Ministri. “L’incontro – aggiunge il sindaco – è avvenuto alla presenza dei due consiglieri regionali dei rispettivi territori, considerato che le proposte di accorpamento, forse i consiglieri del Pdl non lo sanno, non saranno votate dai comuni o dalle province ma esclusivamente dai consigli regionali”. Per aumentare la coesione territoriale necessaria ai prossimi passi dell’Amministrazione, Bonaldi ha scritto una lettera a tutti i sindaci dei 48 comuni cremaschi per organizzare un incontro il prossimo 31 Luglio.

TRIBUNALE: “ATTIVI, MA NON DIPENDE DA NOI”

Sul Tribunale scatta il confronto con l’ex Governo: “In questi 60 giorni la mia amministrazione si è mossa più che la precedente in 5 anni, con incontri e ripetuti contatti con il Sindaco di Treviglio e gli avvocati trevigliesi, con diversi parlamentari e in costante coordinamento con l’Ordine degli Avvocati di Crema e il suo presidente Avv. Aiello.” Continua Bonaldi: “Ci siamo attivati velocemente e in modo efficace ma la decisione non compete purtroppo a noi, visto che si tratta di un provvedimento radicale che tocca gli interessi di tutta l’Italia”.

PERGOLETTESE, INVESTIMENTO “RIMANDATO”

Sui 40 mila euro alla Pergolettese per sistemare i campi del Bertolotti Bonaldi respinge le accuse al mittente: “Si tratta di soldi che non si sarebbero spesi se la precedente amministrazione avesse vigilato sulle reali condizioni dei campi, invece di consegnarsi mani e piedi ad ‘avventurieri’ responsabili della scomparsa del calcio cremasco dai campionati professionisti”.

BILANCIO, A SETTEMBRE LA CRONOLOGIA DEGLI OBIETTIVI

Anche sulla questione bilancio Bonaldi salva l’amministrazione: “Siamo stati fin troppo signori, evitando piagnistei e rimboccandoci le maniche per trovare soluzioni e risposte”. Il programma dei prossimi mesi è stato già illustrato ai funzionari per stendere con loro entro settembre una cronologia degli obiettivi da realizzare; “Un modo nuovo – commenta – più strutturato e più aziendale rispetto alla politica estemporanea degli annunci e dell’improvvisazione”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti