17 Commenti

Ampliamento Palabertoni,
Reima: “E’ un addio al palazzetto?”

Sopra, l’interno del Pala Bertoni in occasione di una gara dello scorso campionato di volley femminile

A breve partiranno i lavori di ampliamento del Pala Bertoni, per portare la capienza dell’impianto di via Sinigaglia da 1006 a 1506 posti, consentendo così alla Crema Volley, di poter disputare le gare interne del campionato di Serie A1 femminile di volley.

SI INTERVIENE SU UNA STRUTTURA OBSOLETA

Sull’argomento interviene con una nota la Reima: “In un momento economicamente difficile come quello che si sta vivendo, onore alla Crema Volley che pagherà il costo dell’operazione per 2/3. Siamo fortemente convinti che far vivere a Crema l’emozione della Serie A1 femminile è buona cosa: ciò nonostante, temiamo che intervenire con costi di 600mila euro, rimettendo a nuovo una struttura obsoleta come la Bertoni possa determinare la parola fine sulla esigenza di un nuovo palazzetto, per cui tanto, noi della Reima, ci siamo battuti. Sappiamo che questa Amministrazione è ben sensibile alle tematiche dello Sport”.

DOTARE CREMA DI UN NUOVO PALAZZETTO

La gloriosa società del presidente Percivaldi si chiede se “la Bertoni sarà ancora, per i prossimi dieci, vent’anni, l’unico palazzetto dello sport di Crema o rimane ancora viva, in seno al governo locale, la volontà di prospettare, per il futuro, la costruzione di un nuovo palazzetto adeguato alle esigenze di tutti”.
La Reima si augura che i prossimi interventi che riguarderanno il Pala Bertoni, non pregiudichino in “la volontà di dotare, un domani, la città di un nuovo palazzetto dello sport”.
A tal proposito, la Reima (che nel recente passato è stata più volte vicina alla serie A1 di volley maschile, ricorda come “un palazzetto da 2500 posti consentirebbe, sia la disputa della Serie A1 maschile di Volley (capienza minima 2000 posti), sia la disputa del campionato di Legadue di Basket (2500 posti), oltre, ovviamente alla disputa della Serie A1 femminile.
Nella nota la Reima sottolinea anche che nel caso in cui le ragazze della Crema Volley raggiungessero le semifinali e le finali dei playoff scudetto, in quel caso la Bertoni non potrebbe ospitare gli incontri, perché la capienza minima imposta dal regolamento federale è di 3000 posti.
Per questi motivi la società di Percivaldi si augura che le prossime scelte amministrative in tema di impianti sportivi, possano tener conto di tutte queste considerazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giulio

    Ma da dove arrivano tutti sti soldi?

  • Carla

    Per soldi si va a braccetto di C L! E a Crema avrebbe vinto la sinistra!

    • Al

      La CremaVolley non è CL, è una squadra di pallavolo che ha vinto il campionato di A/2 ed ha l’opportunità di portare il nome di Crema in giro per l’Italia nel massimo campionato femminile di uno sport molto praticato in città. Destra o sinistra chissenefrega, la città di sicuro ne ha un benificio non certo un danno!!

      • Antonio

        Cogorno il proprietario della squadra di pallavolo e’ un pilastro di CL e’ colui che sta costruendo la scuola di Ombriano documentati!!!!

        • Roberto

          Quindi se Cogorno acwuista un’auto mercedes, la ditta tredesca diventa di CL? Complimenti!! COnosco persone della CremaVolley che non sono affatto di CL, quindi?

          • L.T.

            Sarebbe già qualcosa se la Mercedes se la comprasse con i suoi di soldi visto che ha deciso che una Fiat era troppo piccola.

        • Giulio

          A Ombriano? non era di fronte all’ospedale?

  • Antonio

    Chi paga il restante1/3?

    • L.T.

      “Sappiamo che questa Amministrazione è ben sensibile alle tematiche dello Sport”

      “la Bertoni sarà ancora, per i prossimi dieci, vent’anni, l’unico palazzetto dello sport di Crema o rimane ancora viva, in seno al governo locale, la volontà di prospettare, per il futuro, la costruzione di un nuovo palazzetto adeguato alle esigenze di tutti”

      “Per questi motivi la società di Percivaldi si augura che le prossime scelte amministrative in tema di impianti sportivi, possano tener conto di tutte queste considerazioni.”

      ………….
      secondo lei?

      • Antonio

        Noi cremaschi con un sicuro aumento dell’Imu

        • Al

          Ma se è già uscito sulla stampa che il Comune al massimo pagherà il 20% (circa 20.000 all’anno) e l’80% se lo accolla la Crema Volley, perchè date aria alla bocca senza informarvi?

          • Antonio

            Di chi sono i 20.000,00 euro all’anno? Dei cremaschi ossia noi

          • Al

            Con il piccolo particolare che il Comune si trova un impianto risistemato e ampliato con cui potrà ospitare eventi sportivi e non. Nel programma della Bonaldi era chiaro che il Comune non avevav le risorse per realizzare interventi importanti sugli impianti sportivi (e men che meno palazzetti nuovi), ma era disponibile a concorrere con il privato. 20.000 euro per una persona può essere anche il reddito annuo, per il Comune di Crema è il 10% delle spese per impianti sportivi, quindi trattandosi una somma assolutamente compatibile ed evocare aumenti di tasse o cose del genere mi sembra l’ennesimo tentativo di gettare ombre inesistenti su un’operazione limpida e utile per la città

          • L.T.

            Considerando che ci sono 1700 euro a disposizione per la “cultura” e che per tagliare l’erba nelle aiuole serve il volontariato dei cittadini, che tribunale, uffici postali e presto arriverà una bella sforbiciata pure all’ospedale…direi che 20000 euro all’anno per un palazzetto che serve si e no 4 volte all’anno a societa’ private possono andare a chiederli a qualcun altro.

          • Al

            Non ci sono 1700 euro a disposizione della Cultura: è quanto ha lasciato l’ass. Mariani per le manifestazioni, ma il bilancio della cultura (incluse biblioteca, teatro e museo) è di centinaia di migliaia di euro. Per il taglio del verde sono magicamente riapparsi oltre 100.000 (notizie delle ultime due sedute di Giunta). Il palazzetto è usato nel fine-settimana da una squadra di A/1 femminile e di B/1 maschile, inoltre è usato ogni giorno dalle scuole che vi tengono i corsi di educazione motoria ed ospita diversi eventi ogni anno -che sarebbero anche molti di più se l’impianto fosse adeguato. E tra pochi anni il Comune si ritrova un impianto di sua proprietà ristrutturato pagandolo a rate 1/5 del suo valore. Se si vuole cercare la polemica a tutti i costi, qualsiasi cosa non andrà bene, ma sinceramente dato che il Palazzetto polifunzionale è di là da venire, preferisco tenermi un PalaBertoni rinnovato con una somma modesta: chiedete in Comune quanto ci costano le palestre scolastiche che giustamente devono esserci per garantire agli studenti la possibilità di far ginnastica…

          • L.T.

            ehhh mi fa piacere sentire che i soldi per la cultura e le aiuole siano magicamente riapparsi…e sono sicuro che studenti delle medie e delle superiori apprezzeranno ulteriori 500/1000 spettatori alle loro lezioni di psicomotricita’.

  • L.T.

    ehmmm….di che colore vuole che glielo costruiamo il palazzetto?

    e quando sara’ completato la Reima sara’ ancora in A1 o fallita come e’ fallito il pergo (ricordate lo stadio da 8000 posti?)…