4 Commenti

Nuovo Pergo, l’impegno di Aschedamini:
“I proclami non servono a nessuno”
La Curva aspetta risposte dal Comune

Settimane di incontri, disponibilità vere o presunte, impegni da parte delle Istituzioni, udienze in Tribunale, acquirenti dell’ultim’ora non sono riusciti a produrre, quello che ai più sembrava difficilissimo mantenere: il calcio professionistico a Crema.

“AD OGGI NON ABBIAMO NULLA, NÉ LA C1 NÉ IL PIANO B”

Ora però, si è aperta un’altra corsa contro il tempo, per cercare di capire se potrà vedere la luce una nuova società e, soprattutto in quale campionato si potrà iscrivere, sempre che ci sia la volontà e la capacità economica da parte di qualcuno per farlo.
Dopo lo sconforto per il fallimento del Pergocrema, l’ex presidente Massimiliano Aschedamini, aveva lanciato l’appello a tutte quelle persone che si erano impegnate alla ricerca di una improbabile salvezza della società gialloblù, affinchè si impegnassero concretamente per la rifondazione.
Del resto, Aschedamini l’aveva detto e ridetto in più di una occasione, che bisognava farsi trovare pronti, qualora le iniziative poste in essere per cercare di iscrivere la squadra in C1 non fossero andate a buon fine.
“Purtroppo quando ho parlato di Piano B, (preparare già negli scorsi mesi, una nuova società sportiva, in modo da farsi trovare pronti qualora il Pergo fosse fallito ndr) – afferma Aschedamini, certo era meglio la C1 rispetto all’eccellenza, e come dire meglio ricchi e sani che poveri e malati, ma ormai siamo arrivati al 2 luglio e non abbiamo nulla. Né la C1, né il piano B”.

UN NUOVO GRUPPO DIRIGENTE

Aschedamini però ci tiene a sottolineare la necessità di rifondare un gruppo dirigente, con persone nuove che amino il Pergo e si vogliono impegnare concretamente: “Domani incontrerò il presidente del Comitatpo Regionale Lombardo, per capire se ci sono i tempi per fare una nuova società, perché – ripete Aschedamini – non è automatica l’iscrizione nel campionato di Eccellenza”.
Ad avvalorare questa tesi i riferimenti alle recenti esperienze della Pro Sesto e del Legnano, costrette a ripartire rispettivamente da promozione e prima categoria: “Servono però persone nuove ed un nuovo presidente – dice Aschedamini – perché questp è u film che ho già visto, io presi la squadra in Eccellenza vincendo in otto anni tre campionati e riportanto il pergo in C1, poi sono andato via da vincitore, ma non ci sono solo io”.

DOMANI DAL PRESIDENTE DEL COMITATO REGIONALE

Aschedamini guarda anche a tutto ciò che è accaduto nelle ultime settimane: “Se c’era qualcuno interessato ad impegnarsi per salvare la C1, se è vero l’andirivieni di persone dal curatore, allora ci dovrà essere pure qualcuno interessato ad impegnarsi nelle categorie inferiori. Che si facciano avanti ora, io vado a parlare con il presidente del Comitato Lombardo perché voglio bene al Pergo, senza fare proclami, ma occorre che tutti quelli che vogliono bene al Pergo facciano qualcosa di concreto, io – continua Aschedamini – sto lavorando per tracciare una strada, ma non ho nessuna intenzione di fare il presidente e questo non è un disamoramento verso questi colori”.
Infine l’ex presidente, che auspica anche un intervento da parte delle Istituzioni cittadine, ricorda che per poter partecipare ad un eventuale campionato di Eccellenza occorrano 100mila euro per l’iscrizione, e non si tratta di fidejussione.
Intanto il Consiglio Direttivo della Lega Pro convocato per domani, esaminerà e trasferirà la documentazione (oltre al Pergo altre quattro società non si sono iscritte, ma diverse rischiano ancora) alla Covisoc.
“Nel caso in cui ci fossero i tempi tecnici per costituire questa nuova società – commenta Aschedamini – c’è da dire che quando sarà chiuso l’iter del fallimento, si potrà riprendere la vecchia denominazione. In questa fase – conclude Aschedaminin – i proclami non servono a nessuno”.

IL COMUNICATO DEI TIFOSI


“Dopo la grave perdita sportiva,dopo la squallida figura che questa amministrazione comunale ha fatto, senza ancora oggi spiegarne i suoi motivi,aspettiamo che passi anche il treno per un’eventuale iscrizione al campionato dilettanti???
Sindaco, assessori, siete ancora in ferie o aspettiamo ancora le vostre promesse??? state lavorando o state aspettando la morte definitiva del Pergo, patrimonio della città???
Al signor Boschiroli, curatore fallimentare, diciamo che il suo silenzio è assordante!!!!
Non è che si nasconde o si vuole nascondere qualche triste e grave verità?????
Aspettiamo spiegazioni in merito.Sono domande a cui la Curva Sud Pergocrema vuole delle risposte, serie.
Altrimenti il pensiero di togliere il “problema” Pergo in termini di convenzioni, strutture, impiego di personale addetto alla sicurezza allo stadio, non sarà più un pensiero, ma una certezza.
Ci auguriamo che alle risposte, serie seguano anche fatti, concreti.

Curva Sud Pergocrema”.

LE RISPOSTE CHE DEVE DARE L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Intanto sulla bacheca Facebook dell’ex candidato sindaco Antonio Agazzi, oggi pomeriggio, appare un altro comunicato della Curva Sud, ma in versione più lunga e con riferimenti diretti, tra gli altri, alle iniziative poste in essere dal consigliere comunale delegato per lo sport Walter Della Frera, ed al consigliere comunale e regionale Agostino Alloni, nei confronti dei quali i tifosi formulano alcune domande.
“Ho ricevuto per posta elettronica quel comunicato ed ho deciso di pubblicarlo sulla mia bacheca”, dice Agazzi, il quale poi anticipa che in occasione della conferenza dei capigruppo prevista per oggi, chiederà al sindaco Stefania Bonaldi “che è l’assessore allo sport, perchè il consigliere comunale Della Frera, non può assumere atti di gestione amministrativa”, se nella prossima seduta del consiglio comunale, non sia il caso di dare delle risposte, attraverso una comunicazione informativa, agli interrogativi dei tifosi.
“Personalmente, auspico che si possa recuperare il tempo perduto – conclude Agazzi – ed auspico che l’amministrazione comunale, pur nei limiti delle sue competenze, possa essere in questa circostanza, più vicina alle richieste dei tifosi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Alì il Comico

    Quindi acquisto di un titolo in D? Ho sentito di Pizzighettone ma in D c’è pure il Montichiari che non conosce il suo futuro….

  • Giulio

    E’ venuto per il Presidente onorario – se davvero lo è o era – il momento di farsi onore assumendo gli oneri. Quel che è certo, è che il Pergo ha sempre restituito una bella visibilità al Presidente onorario.
    Si dica quanto sono costati negli ultimi 5 anni gli impianti utilizzati dal Pergo, e quanto il Pergo ha pagato in 5 anni.
    Si pubblichino i bilanci! Altro che colpi di spugna e conferenze stampa sul nulla. Quanto è costato il Pergo ai cittadini?

  • Alex

    SAREBBE INTERESSANTE SAPERE L’ESITO DELLA SPEDIZIONE DI ASCHEDAMINI AL COMITATO REGIONALE f.i.g.c. PER TENTARE IL SALVATAGGIO DEL PERGOCREMA 1932 IN ECCELLENZA. QUANDO FINALMENTE SIA LUI CHE IL GIORNALISTA DEL QUOTIDIANO LOCALE SAPRANNO CHE ESISTONO ALTERNATIVE MIGLIORI E CONCRETE… SARA’ SEMPRE TROPPO TARDI… COME SEMPRE

  • Alex

    Dalle ceneri della U.S. Pergocrema 1932 di LegaPro può rinascere la U.S. Pergolettese dalla massima categoria dilettantistica