2 Commenti

Cda, Agazzi insiste:
“Il sindaco faccia dimettere
Garatti e Pagliari”

Le Partecipate sempre più terreno di scontri. Da tempo le varie anime politiche hanno fatto delle società un terreno dove accusarsi a vicenda di lavorare solo per le poltrone per quelli che appartengono a questo e quel partito. Una situazione che il sindaco Stefania Bonaldi, vorrebbe risolvere. Per lo meno stando al suo programma elettorale. 

Ma c’è chi a questo non crede più visto che il primo cittadino non è intervenuto nell’immidiato. E’ Antonio Agazzi che insiste perchè veramente il sindaco azzeri i cda di tutte le partecipate, come aveva promesso.

E questo, secondo Agazzi non può tradursi in un cambio al vertice di Cremasca Servizi, con un bando per sostituire Giorgio Lazar e la sostituzione del dimissionario Simone Beretta nel cda di Scrp.

«Dopo – afferma – avere con insistenza e a gran voce, da Capo Gruppo del PD, allora in Minoranza, contestato il sistema “a scatole cinesi” delle Partecipate e chiesto a Bruttomesso la rimozione del Presidente di Scs Servizi Locali s.r.l. per il cosiddetto abuso edilizio del Calciotto, dopo aver affermato che si dovevano tagliare gli sprechi che si annidano nelle società pubbliche, dopo aver dato ampio spazio nel suo programma elettorale al tema, affermando che Scrp doveva tornare al suo ruolo iniziale di “grande comune”, che si doveva rivedere il sistema a scatole cinesi delle partecipate, che bisognava ridurre gli amministratori prevedendo al massimo due mandati, nonché l’introduzione del principio di responsabilità patrimoniale degli amministratori, dopo tutto ciò il sindaco di Crema si arrende ai partiti, si fa garante della conservazione dello status quo ante, non riesce a ottenere nemmeno dal suo partito, il PD, le dimissioni degli eterni Bruno Garatti e Giorgio Pagliari e si prepara, anzi, con ogni probabilità, a mantenere a lungo incardinati su comodi e ben retribuiti scranni».

A questo punto Agazzi si chiede: Evidentemente, ora, anche il tema delle competenze non è più da annoverare tra le priorità.  Oppure sono tutti qualificati gli amministratori in carica e prima Stefania Bonaldi diceva le bugie?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • green tantra

    Agazzi ha ragione,via tutti o via nessuno.Agazzi dov’era l’hanno scorso ?In maggioranza !Ah ecco.

    • ago pungente

      c’è un h di troppo ,ma hai ragione ,dove era lo scorso anno il curiale bell’Antonio ?