Cronaca
Commenta

Alla Braguti lavagne multimediali
per tutte le classi
le donano i genitori

Scuole ormai chiuse e alunni in vacanza, ma tra le iniziative di fine anno che si sono svolte negli scorsi giorni, merita di essere citata quella della Scuola Primaria Braguti, che ha voluto illustrare ai genitori, nel corso di un interessante incontro, la portata didattica dell’uso delle LIM, una per ogni classe, un vero primato in tutta la provincia di Cremona e non solo.
Ad introdurre la serata è stata la responsabile del plesso, la maestra Maria Geraci , che ringrazia l’Associazione dei genitori “Quelli che la Braguti…”, per l’acquisto di quasi tutte le LIM disponibili, e ne illustra potenzialità, qualità, caratteristiche.

CHE COS’È LA LIM

La LIM (acronimo di Lavagna Interattiva Multimediale) è uno strumento didattico dinamico e interattivo, che intercetta le modalità di pensiero e di azione dei bambini di oggi, nell’epoca del web, del multitasking, dei social network, della multimedialità, propri della “touch generation” che avanza.
Con la LIM, il linguaggio, si coniuga con l’immagine e con la musica: la tecnologia come fattore di motivazione per i ragazzi di oggi, che li aiuta a sviluppare attenzione, concentrazione e arricchimento delle competenze.
Tuttavia è bene precisare che si tratta sempre di un mezzo e non di un fine, la sapienza didattica, non diventa un accessorio, ma resta l’elemento cardine, che dona l’anima agli strumenti offerti dalla modernità.
“I genitori, pur senza essere San Tommaso – scrive Pietro Bacecchi, Dirigente Scolastico del Secondo Circolo Didattico – hanno il diritto non solo di ascoltare, ma anche di vedere e toccare con mano”, così nel corso della serata, hanno avuto la possibilità di esplorare le potenzialità di questo innovativo strumento.
“Alice nel Paese delle Meraviglie ha sbagliato epoca e destinazione, nel 2012 alla Braguti, Lewis Carroll avrebbe trovato uno scenario adatto alle sue fantasie, anzi, mi correggo – conclude Bacecchi -avrebbe conosciuto una realtà che le supera”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti