Un commento

Cre, il sindaco
scrive alla Regione:
“Deve restare dov’è”

Centro di riabilitazione equestre, il sindaco Stefania Bonaldi scrive all’Ersaf, chiedendo di soprassedere sullo sfratto. In una missiva indirizzata al presidente dell’Ersaf, Roberto Albetti, il primo cittadino ha sottolineato che il Cre “rappresenta un patrimonio per la nostra città ed un presidio di grandissimo valore sociale, dal momento che svolge attività a beneficio di soggetti diversamente abili, in un contesto di grande pregio, facilmente accessibile, tradizionalmente deputato a questo tipo di offerta”.

“Siamo – continua il sindaco Bonaldi nella sua lettera – quindi a rimarcare, a nome della nostra comunità, l’esigenza di mantenere il Cre presso la struttura degli Stalloni, quale che sia il futuro assetto della medesima, appunto per l’imprescindibile valore sociale del Centro”

STALLONI, SI RIAPRE LA TRATTATIVA CON LA REGIONE

Per quanto riguarda l’intera struttura, resta ferma l’idea delle neo amministrazione di non accettare la proposta arrivata qualche mese fa in comune della cessione da parte della Regione al comune di Crema degli Stalloni in comodato d’uso. Come più volte rimarcato dal sindaco e dall’attuale maggioranza, una gestione in comodato non risulta sostenibile: “Il comodato d’uso non è una strada percorribile, in quanto, con i taglia al bilancio il comune non sarebbe in grado di sostenere la manutenzione della struttura, quindi ci vedremo ancora con la Regione per discutere del futuro degli Stalloni”, ha sottolineato il sindaco.

Alcuni incontri tra la neo amministrazione, Regione Lombardia e Infrastrutture Lombarde, per definire possibili scenari per una nuova destinazione condivisa di tutto il plesso, sono già stati effettuati.

L’intenzione dell’amministrazione è quella di salvaguardare la vocazione sociale degli Stalloni, in una prospettiva di sostenibilità economica.

Per la prossima settimana è previsto un altro incontro con Infrastrutture Lombarde.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giulio

    Iniziativa sicuramente utile e di supporto a chi più è in difficoltà; chi la sostiene economicamente?
    Il Dr Rossoni che è cremasco ed in Regione da parecchi anni, che tanto ha fatto e tanto ha portato nel nostro territorio, non potrebbe fare in modo che anche a questa Associazione venga riconosciuta l’utilità del proprio operato? Occorre fare un piano per il recupero e la valorizzazione di tutto il complesso (Expo?). Forza Sindaco, metta insieme i nostri rappresentanti in Regione e chieda che facciano la loro parte.
    Chi viene sostenuto con denaro pubblico poi dia resoconto pubblico del proprio bilancio (partiti in testa).