Commenta

Fatf, gran finale per la Rassegna Concorso
premiati giovani attori da tutta Europa
che hanno brillato originalità e passione

Si conclude la Rassegna Concorso del Franco Agostino Teatro Festival. Il 2012 è stato segnato dalla grande partecipazione di giovani attori provenienti da Polonia, Francia, Svezia, Repubblica di San Marino, oltre che da tutta Italia. Come ogni anno gli spettacoli sono stati valutati da due giurie, una composta da studenti e l’altra da rappresentanti istituzionali, che hanno avuto l’onore di consegnare l’assegno in premio per l’acquisto di materiale teatrale e la possibilità di esibirsi al Piccolo Teatro di Milano.

SPETTACOLO, PREMIAZIONI E TANTO DIVERTIMENTO

Mercoledì 23 è stata la volta delle scuole medie inferiori, competizione vinta dall’associazione “Academy” di Oleggio con lo spettacolo “La ricetta per la donna perfetta”, già vincitore della rassegna di aprile a Novara; un’esibizione che ha fatto “ridere e sorridere” la giuria, riportando il pensiero alla tradizione del teatro leggero italiano. La giuria tecnica presieduta da Stefano Guerini Rocco ha invece premiato tra i gruppi scolastici la Scuola Media Inferiore “Fermi” di Lurago d’Erba per lo spettacolo “Fiaccole di luce: scegliere a favore del bene”: “Tema impotrante e coraggioso – dichiara la giuria – con grande lavoro di ricerca e costruzione storica ed efficaci momenti corali, con una menzione di merito per la canzone cantata dal vivo”. Tra le associazioni extrascolastiche si è distinto il gruppo teatrale “I Vespolini” di Vespolate, con la rappresentazione “Buona…da morire!”, con ottima coralità, comicità e capacità di coinvolgere gli spettatori. Giovedì 24 ha visto trionfare “Lisistrata” del Liceo Bellini di Novara e del liceo svedese Stromstad Gymnasium, premiato per spontaneità, autoironia dei giovani interpreti; la giuria tecnica ha invece scelto il lavoro del liceo classico “Celeri” di Lovere con l’associazione “Il cerchio di gesso” di Bergamo con la loro “Verità impossibile”, prima classificata trazie alla “voglia di raccontare un dramma e lasciare un messaggio chiaro allo spettatore”, frutto di un lavoro approfondito e di una coralità esaltata dall’uso della maschera e di un suggestivo gioco di luci e ombre. Tra i gruppi extrascolastici valutati dalla giuria tecnica ha vinto l’Officina Teatrale Madness di Savona con “Comoedia”, spettacolo basato su linguaggio corporeo e frammentazione sintattica.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti